Simone Pafundi

Il ct Roberto Mancini ci ha abituato a scelte coraggiose e alla sua propensione a lanciare giovani talenti, ma con Simone Pafundi si è veramente superato. Il giovane calciatore di proprietà dell’Udinese, infatti, dopo aver esordito in Serie A nell’ultima giornata dello scorso campionato, si è tolto la soddisfazione, non da poco, di poter giocare con la maglia dell’Italia, diventando anche il primo calciatore under 17 ad esordire con la Nazionale maggiore negli ultimi 100 anni. Ma chi è esattamente Simone Pafundi?

Le caratteristiche tecniche di Simone Pafundi

Di ruolo centrocampista offensivo o seconda punta, Pafundi si è sempre contraddistinto per la sua velocità, tecnica e fiuto per la giocata vincente. Il giovane talentino Azzurro è infatti noto per i suoi assist al bacio ma anche per i gol d’autore. A conferma di quanto detto basti guardare il suo rendimento nella stagione 2022/23: 10 presenze 3 reti e 6 passaggi vincenti per i compagni.

Alto 1,66 è da sempre considerato il ‘piccoletto’ della squadra, ma grazie alla sua grande abilità col pallone e alle sue movenze ‘alla Messi’, si è sempre fatto rispettare sul campo.

Info calciatore: Transfermarkt

Carriera

Pafundi, nato a Monfalcone il 14 marzo del 2006, è un calciatore che milita nella Primavera dell’Udinese ma, spesse volte, è stato chiamato dai ‘grandi’. Il suo cartellino, come detto, è di proprietà di bianconeri ma, prima di approdare a Udine, ha mosso i primi passi nelle giovanili della società dilettantistica UFM Monfalcone, club che milita in Promozione.

La sua promettente carriera è iniziata, quasi per caso, all’età di 8 anni durante un torneo a pochi chilometri da casa. Il quell’occasione il giovane Simone riuscì a fornire un assist dei suoi, e a mettersi in mostra con delle giocate da giocatore più maturo. Evidentemente le sue doti non sono passate inosservate, tanto che l’Udinese decise di contattare la sua famiglia per proporgli un provino.

L’estate successiva finì per giocare proprio con il club della famiglia Pozzo, nella categoria Esordienti. In poco tempo è riuscito a scalare le gerarchie, giocando sempre con i ragazzi più grandi, fino a raggiungere l’Under-19 del club.

Nella stagione 2021/22 ha confermato le sue doti da ‘playmaker offensivo’ mettendo a referto 6 gol e 7 assist in appena 16 partite, attirando l’attenzione della Nazionale U16 prima e Under 17 poi. La sua crescita esponenziale non si è fermata qui, fino a raggiungere la chiamata in prima squadra da parte di Gabriele Cioffi che spesso lo convoca in prima squadra.

Il 2022 è iniziato alla grande e sta finendo ancora meglio. Prima l’esordio in Udinese-Salernitana (4 a 0) dello scorso campionato, e ora l’esordio con l’Italia di Mancini nell’amichevole internazionale contro l’Albania.

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: