Bezzecchi - MotoGP Thailandia

Marco Bezzecchi conquista la prima pole della sua carriera nelle qualifiche MotoGP in Thailandia. Il rider del team Mooney VR46, in sella alla sua Ducati, è riuscito a beffare Jorge Martin per appena 21 millesimi, facendo segnare un crono straordinario in 1:29 e 671 millesimi. Il pilota italiano, tra le altre cose, è diventato così il 10° pole sitter differente di questa emozionante stagione 2022.

Ottimo 3° posto anche per Pecco Bagnaia, seguito a ruota dal rivale della Yamaha Fabio Quartararo (4°). Aleix Espargaro, altro contendente al titolo, si deve accontentare invece dell’tredicesima posizione dopo una caduta nel Q1.

MotoGP, dove vedere GP Thailandia in diretta tv e streaming

MotoGP, la top 10 delle qualifiche in Thailandia

1    M. BEZZECCHI    1:29.671
2    J. MARTIN    +0.021
3    F. BAGNAIA    +0.104
4    F. QUARTARARO    +0.238
5    J. ZARCO    +0.292
6    E. BASTIANINI    +0.317
7    J. MILLER    +0.435
8    M. MARQUEZ    +0.462
9    L. MARINI    +0.543
10    A. RINS    +0.666

Le dichiarazioni dei protagonisti

Bezzecchi: “All’inizio non avevo capito di essere in pole. Ho cercato di guardare il tabellone dei tempi ma non riuscivo a vedere la posizione per colpa del sole. Quando ho visto il mio tempo, 1’29″6, ho pensato che fosse un giro buono. Sono rientrato ai box ma mi hanno detto di andare al parco chiuso, che sorpresa!Tutti i ragazzi del team sono stati fantastici, anche Vale da casa mi ha dato una mano“.

Martin: “Sono abbastanza soddisfatto perché ho fatto una bellissima qualifica- Mi devo complimentare con Bezzecchi che ha fatto un giro davvero difficile da battere. Sono contento perchè fin qui ho avuto qualche problema, ho rischiato due volte la caduta nell’ultimo run ma, ad ogni modo, ho messo a segno dei buoni giri. A livello di passo sono soddisfatto per cui non mi rimane che decidere la gomma in vista della gara. Io sono prontissimo e voglio lottare per la vittoria”. 

Bagnaia: “Ho avuto qualche difficoltà nel primo run. Con la prima gomma non riuscivo proprio a spingere, scivolavo da morire ma ogni tanto può capitare, magari non l’ho riscaldata bene io nell’out lap. Nel secondo tentativo sono riuscito a fare la differenza, soprattutto nel 4° settore, il feeling era completamente differente.

E ancora: “Considerando che nel primo giro non ho fatto un buon tempo, ho cercato di dare tutto ma, al tempo stesso, prestando molta attenzione. Il tempo finale è ottimo, ma gli altri due hanno fatto meglio: sono molto contento per Bezzecchi“.

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: