Dida

Nelson Dida, ex portiere del Milan e fino alla scorsa stagione preparatore dei portieri dei rossoneri, è intervenuto in un’intervista ai margini dell’evento di presentazione del docu-film “Stavamo bene insieme”. Il brasiliano, tra le altre cose, ha svelato l’ingrediente magico dei tanti successi del Diavolo di Carlo Ancelotti e, tornando ai giorni nostri, ha parlato delle potenzialità di Mike Maignan, diventato un calciatore imprescindibile della squadra di Pioli.

Maignan titolare al Mondiale? Frey lo ‘boccia’: “Vi spiego il perché”

Le parole di Dida

“Il film si chiama “Stavamo bene insieme” ma la realtà è che stiamo bene fino ad oggi – ha esordito Dida -. Altrimenti non saremmo stati qua tutti assieme. Ci sono tanti ex giocatori, compagni e rivali e la nostra amicizia continua tutt’ora. Questa è una cosa meravigliosa perché col Milan abbiamo vissuto un grande periodo e siamo davvero soddisfatti per quello che siamo riusciti a fare”.

“La conquista del 19° scudetto? Sapevamo che avevamo bisogno di vincere, e anche la gente aveva tanta fame. Bisognava riuscire a dare continuità al lavoro svolto in questi anni da Pioli e ci siamo riusciti. È stata una vera impresa e sono davvero molto contento che il Milan sia riuscito a vincere e tornare competitivo. Adesso si può veramente pensare a dare ulteriore continuità e tornare ai massimi livelli. Questo è un gruppo giovane e forte con tante potenzialità”.

E ancora: “In Champions sono convinto che si possa andare avanti. Il giorone è più facile rispetto a quello dell’anno scorso anche se sappiamo che poi bisogna andare a giocarsi tutte le partite. Ci sono buone possibilità di passare il turno”.

L’ex portierone brasiliano, avendo lavorato a stretto contatto con Maignan, ha parlato così delle qualità del francese: “Sicuramente è tra i primi 10 o 6 del mondo. Sta lavorando molto ed è in grande crescita. Quando il Milan riuscirà a fare quello step successivo anche lui lo farà e sicuramente può puntare a diventare il numero 1“.

“Cosa gli ho trasmesso? Ho provato a passare tutta la mia conoscenza e, soprattutto, quello che ho vissuto io. Arrivare nel Milan, uno dei più importanti club al mondo, non è facile. Ci sono tante pressioni e responsabilità. Gli ho detto che se fosse riuscito a crescere e ad avere la mentalità giusta sarebbe diventato uno dei migliori al mondo”.

Mike, quando è arrivato, non aveva una base tecnica buona, ora è diventato forte e sta lavorando per migliorarsi. Lo sta facendo di giorno in giorno e diventerà ancora più forte. È un portiere molto esplosivo ed è molto forte dal punto di vista mentale. Piano piano riuscirà a fare sempre di più” ha concluso Dida.

Un pensiero su “Dida: “Amicizia base del successo del ‘nostro’ Milan. Maignan? Può diventare numero 1””

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: