Rafael Toloi - Atalanta

Rafael Toloi, difensore dell’Atalanta, ha concesso un’intervista a La Gazzetta dello Sport nella quale ha parlato in vista della prossima stagione e non solo. Questioni personali e di squadra tra presente e futuro.

LA GRINTA DI BOGA PER LA NUOVA STAGIONE

Atalanta, le parole di Toloi

Sulla preparazione in vista della prossima stagione, Toloi ha detto: “Diversa senza Europa e con lo stop per il Mondiale? Più che diversa, uguale a com’era fino a due anni fa. Sono felice, finalmente abbiamo più tempo per lavorare: una preparazione così ti fa stare bene per tutta la stagione”.

E ancora sull’Europa che quest’anno non vedrà l’Atalanta impegnata in nessuna Coppa: “Più dura arrivarci: da allora l’Atalanta è cresciuta tanto, in campo e fuori, e cinque anni, il sapore di giocare in Europa, non si cancellano così. Consoliamoci: la settimana ‘lunga’ ci aiuterà”.

Sulla passata stagione: “Eravamo sbilanciati in difesa? L’anno scorso un po’ l’abbiamo pagato, infatti stiamo lavorando anche su questo. Ma essere un valore aggiunto per l’attacco mi piaceed è grazie a questo atteggiamento che l’Atalanta è potuta crescere così in questi anni: non dobbiamo cambiare, solo sapere dove abbiamo sbagliato e migliorare dove possiamo. Abbiamo pagato le distrazioni difensive, il brusco calo di gol segnati e anche tanti infortuni di tanti giocatori importanti”.

A livello personale: “Tempo fa avevo già detto di voler rimanere qui almeno per i prossimi dieci anni, la continuità paga”. Eppure: “Tornare in Brasile quando avrò fatto 10 anni qui? Mia moglie e mia figlia non vorrebbero tornare, ma io sento il dovere di stare vicino alla squadra dove arrivai a 13 anni (il Goias, ndr) e alla mia famiglia”.

Sugli infortuni avuti: “Sono uno dei capitani, chi è all’Atalanta da anni sa le responsabilità che ci sono e l’orgoglio di vestire questa maglia. Gli infortuni? Non ne avevo mai avuti più di uno o due, e brevi, durante la stagione; l’anno scorso non ho avuto problemi fisici lunghi, ma uno dopo l’altro. Ora però sto bene e sto lavorando nel migliore dei modi”.

Un pensiero su “Atalanta, Toloi: “Qui 10 anni. Senza Europa lavoreremo meglio. Tornerò in Brasile””

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: