Koulibaly Chelsea - fonte Instagram @kkoulibaly26

Kalidou Koulibaly, nuovo acquisto del Chelsea targato Todd Boehly, ha rilasciato una lunga intervista ai canali ufficiali del club londinese per raccontare i retroscena del suo trasferimento ai Blues e i motivi del suo addio a Napoli. Il difensore senegalese, tra le altre cose, ha parlato dell’importanza della presenza in rosa di due sui grandi amici come Jorginho (ex compagno in Azzurro) e del connazionale Mendy ma, soprattutto, della chiamata fattagli dal tecnico tedesco Thomas Tuchel che l’ha fortemente voluto nella sua squadra.

Koulibaly al Chelsea: “Sognavo di giocare in Premier League”

Chelsea, le parole di Koulibaly

“Sono molto felice di essere arrivato qui al Chelsea, un club incredibile. Volevo superare le visite mediche e andare al tour pre-stagionale in America il prima possibile, ma queste cose richiedono un po’ di tempo” ha dichiarato Koulibaly.

“In questi casi è normale che ci sia tanta burocrazia e tanti documenti da firmare quindi ho camminato molto per l’hotel da solo per ammazzare il tempo mentre aspettavo che arrivasse il via libera! Nel frattempo ho parlato molto con l’allenatore e con la mia famiglia e sono davvero felice, perché ho preso una decisione importante. Volevo mettermi alla prova nel campionato più grande del mondo e voglio ringraziare tutti per avermi dato questa possibilità“.

“L’addio al Napoli? A Napoli tutti mi conoscevano, ero felice lì. Ma dopo 8 anni avevo bisogno di una nuova sfida. Appena il Chelsea ha chiamato, non ho esitato. E potevo già arrivare nel 2016, mi sento già a casa”.

“Tutto è una sfida personale nella vita. Trasferirsi a Londra, e in Premier League, dalla Serie A, è un grande passo ma è quello che volevo fare e far capire a tutti che sono il giocatore che pensano. Penso che questo sia il momento giusto per venire e sono così felice di essere in questo grande club”.

Il ruolo di Jorginho e la chiamata di Tuchel

L’ex difensore Azzurro ha parlato anche dell’influenza che, in particolare Jorginho, ha avuto sulla sua scelta. “Devo dire che effettivamente ho parlato molto sia con Jorginho che con Edou (Mendy ndr). Qualche tempo fa Jorgi mi ha mandato un messaggio chiedendomi se volessi venire al Chelsea – ha aggiunto l’ex Napoli -. Io gli ho risposto che sarei venuto con piacere se il club stesso mi avesse cercato perché non volevo essere io a propormi”.

E ancora: “lo stesso Edou mi ha chiesto di trasferirmi. Ora questo sogno si è realizzato e sono entusiasta di poter cominicare questa nuova avventura e questo viaggio emozionante”.

L’ex difensore dei partenopei ha svelato anche il contenuto della chiamata ricevuta da Thomas Tuchel: “La sua chiamata è stata importante per me – ha continuato Koulibaly -. Mi ha detto chiaramento cosa avrebbe voluto da me e mi ha anticipato che tipo di ambiente avrei trovato a Londra”.

E ancora: “Sono davvero felice di lavorare con lui. Lo conoscevo dai suoi giorni a Parigi e mi ha chiamato direttamente per chiedermi se volessi venire al Chelsea, e ovviamente la risposta è stata sì. È un brav’uomo, un ottimo allenatore e non vedo l’ora di lavorare con lui”.

Un pensiero su “Koulibaly: “Al Chelsea perché volevo una nuova sfida. Jorginho mi ha chiamato e…””

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: