Milan Pioli

Stefano Pioli, allenatore del Milan, è intervenuto all’evento House of BMW insieme all’Head coach dell’Olimpia Milano Ettore Messina, anche lui divenuto campione d’Italia nel 2022, però nel campionato di basket. Il tecnico del Diavolo, tra le altre cose, ha parlato del supporto ricevuto dal popolo rossonero durante questi anni e, in particolare, durante la scorsa stagione, definendo l’affetto dei milanisti fondamentale per il trionfo della scorsa stagione. Pioli, inoltre, ha svelato la chiave del successo del suo Milan e l’importanza di vincere in una città come Milano.

Milan, Scaroni: “Mercato? Nei prossimi giorni avverranno cose importanti”

Pioli e il segreto del suo successo

“Vincere in questa città è qualcosa di speciale – ha dichiarato Pioli – e i tifosi sono stati fantastici sia durante la stagione che durante i festeggiamenti. Nel nostro percorso c’è stata una concomitanza di cose che ci ha aiutato e allo stesso tempo che ha reso ancora più speciale questa vittoria. La prima è che non vincevamo da tanto tempo e poi c’è il fatto che non partivamo favoriti. Siamo una squadra molto giovane e anche il nostro modo di giocare ha coinvolto tutta la nostra gente. Giocare a San Siro poi è stato un aspetto fondamentale che ci darà ancora più fiducia nel corso della prossima stagione”.

“Che significato ha questo Scudetto? A Milanello sono appese foto di grandi vittorie e grandi giocatori del passato e questo è stato uno stimolo in più per noi. Volevamo fortemente raggiungere quel traguardo e mettere la nostra firma su quelle mura. È stata una grande motivazione”.

L’allenatore rossonero ha svelato anche il ‘segreto’ del successo e del suo metodo di allenamento: “Il segreto è cercare di essere migliori sin dal primo giorno, avere il coraggio di crescere ogni giorno e solo allora porsi degli obiettivi”.

E ancora: “Devi visualizzare il percorso e il viaggio… Così ti concentri solo sulle priorità tue e della squadra. Il gruppo è stato fantastico, il nostro è uno spogliatoio multiculturale e questo è davvero bello. Sei ‘costretto’ ad accettare le differenze tra tutti, proprio queste differenze ti permettono di fare gruppo ed integrarsi meglio. Più ci conoscevamo e più diventavamo forti”.

Il tecnico parmigiano ha parlato anche del suo metodo di insegnamento: “Il mio modo di allenare è cambiato tanto nel corso della mia carriera. Ho una staff affidabile e molto preparato che ha voglia di lavorare come me. Delego molto e io mi concentro sulle cose di campo. Ma allo stesso tempo devo sapere tutto ciò che accade nelle altre aree. Essendo al centro dell’attenzione, devi essere preparato a confrontarti con tutti”.

Pioli ha poi concluso: “La comunicazione è sempre più presente e costante nel calcio di oggi. Arrivare preparato alle domande dei giornalisti è importante. Bisogna essere preparati e coerenti per rendere credibile il tuo metodo di lavoro”.

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: