Sacchi

Arrigo Sacchi, ex allenatore del Milan e della Nazionale italiana, ha rilasciato una lunga intervista a La Gazzetta dello Sport dove ha analizzato le tematiche principali del prossimo campionato di Serie A e indicato le sue ‘favorite’ alla vittoria finale. Tra calciomercato, ritorni importanti come quello di Pogba e Lukaku, ma anche il Mondiale invernale, Il profeta di Fusignano ha preventivato un campionato ricco di colpi di scena e di spettacolo.

Serie A, come giocherà la Juventus nella stagione 2022/23? La formazione

Le parole di Sacchi

“Il Mondiale può condizionare e non poco le sorti del prossimo campionato – ha esordito Sacchi -. È una nuova esperienza e noi italiani non andiamo molto d’accordo con le novità. L’Inter comunque rimane la favorita perché è la squadra più completa. Ha una rosa ampia, giocatori di esperienza ma soprattutto di qualità. Con il ritorno di Lukaku ha rinforzato ulteriormente l’attacco e ha a disposizione un potenziale incredibile”.

L’ex tecnico del Diavolo ha parlato anche della Juve, sicuramente una delle regine del calciomercato estivo: “La Juve di solito non sbaglia due campionati di fila – ha continuato Sacchi -. Sono convinto che farà bene. L’importante è che i bianconeri ritrovino quello spirito di gruppo e quella volontà di sacrificarsi che, probabilmente, nell’ultima stagione si erano un po’ persi. Pogba bis? Non sono mai stato un grande fan dei ritorni, ma bisognerà porsi qualche domanda. Il francese avrà la stessa determinazione di prima? Come s’inquadrerà Di Maria? E se va via De Ligt, che per me è un ottimo difensore, come verrà sostituito? Inoltre, e questa è la domanda delle domande, la Juve saprà giocare in undici oppure giocherà in undici soltanto in fase difensiva?”.

L’ex allenatore ha parlato, inevitabilmente, del ‘suo’ Milan: “I rossoneri, non avendo le individualità delle rivali dovrà essere di molto superiore per quanto riguarda il gioco. Ma dovrà stare attento a non commettere l’errore di sentirsi arrivato. Avere un obiettivo importante e l’umiltà di impegnarsi e lavorare come l’anno sarà fondamentale”.

Le outsider del campionato di Serie A

Sacchi ha indicato anche le squadre che potrebbero rappresentare la sorpresa del prossimo campionato di Serie A: “La Roma di Mourinho potrebbe essere una sorpresa. Mou ha fatto un grande lavoro nella passata stagione e ha ottenuto un successo in Conference League che è benzina utile per affrontare questo campionato”.

“Non ho dimenticato il Napoli, ma penso che per far sì che i partenopei possano ritagliarsi uno spazio importante, c’è bisogno che tutte le parti remino dalla stessa parte. Non è bello iniziare la stagione con il malumore della tifoseria nei confronti della società. Napoli e il Napoli, per vincere, hanno bisogno di uno sforzo comune, perché non hanno alle spalle la storia e l’esperienza delle altre big. E poi attenzione alla Fiorentina che gioca un calcio coraggioso. Bisognerà vedere come s’integrerà il nuovo centravanti, Jovic, arrivato dal Real Madrid”.

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: