Origi

Divock Origi, primo acquisto del Milan targato RedBird, è intervenuto in un’intervista esclusiva a DAZN in vista della nuova stagione di Serie A. L’attaccante belga, tra le altre cose, ha parlato degli obiettivi personali e di squadra per la nuova annata di calcio ma ha anche svelato le parole con cui Maldini e Massara l’hanno accolto in rossonero.

Origi, quale numero di maglia indosserà al Milan?

Milan, Origi si racconta

Circa le sue condizioni fisiche e l’andamento della preparazione atletica l’ex Liverpool ha detto: “Sto facendo il massimo per tornare a lavorare in gruppo il prima possibile. Lavoro duramente giorno dopo giorno con l’obiettivo di essere pronto per la prima di campionato. Mi sto preparando fisicamente, mentalmente e spiritualmente per essere pronto il prima possibile”.

E ancora: “Sono nel pieno della mia carriera e penso di essere pronto per questa nuova avventura, ho le caratteristiche giuste e anche l’esperienza per poter far bene al Milan. Ho vissuto tante esperienze, ho vinto molte partite e diversi trofei – ha continuato Origi – ma ho ancora fame, voglia di crescere e migliorare, voglio massimizzare il mio potenziale. Sento di essere arrivato in un club che fa per me. Il Milan ha voglia di tornare grande, è un club ambizioso e che ha tanta voglia di vincere esattamente come me. Vogliamo mostrarlo a tutti, ho buone sensazioni e sono pronto ed entusiasta di iniziare la nuova stagione”.

Origi ha spiegato i motivi che l’hanno spinto a scegliere proprio il Diavolo: “Il Milan è una società con una grande storia ed esperienza e l’ho avvertito anche io quando ho giocato a San Siro. Allo stadio c’era un clima bellissimo e i tifosi hanno dato un supporto incredibile alla squadra. Tutti i calciatori sanno cosa sia il Milan a livello mondiale e anche i tifosi fanno parte di questo glorioso club. Qui ci sono tutti i presupposti per creare qualcosa di bello e per questo motivo non vedo l’ora di vivere questi momenti con i tifosi, la squadra e lo staff”.

Obiettivo Scudetto e la sfida all’Inter

“Obiettivo stagionale? L’obiettivo è il 20° Scudetto e quindi la seconda stella, è una delle prime cose che mi hanno detto Maldini e Massara – ha rivelato Origi -. Mi hanno spiegato l’importanza di tutto questo. Faremo il possibile e ovviamente sarebbe un grande risultato. Sarà bello iniziare la stagione con in testa un obiettivo così importante e sarà una bella lotta con l’Inter”.

Sull’importanza di giocatori del calibro di Zlatan Ibrahimovic e Olivier Giroud il centravanti belga ha invece detto: “Per pensare di poter vincere il campionato devi avere giocatori diversi tra di loro e noi abbiamo un gruppo molto forte. Questo è uno dei dei motivi per cui ho voluto fortemente venire pure io qui. Giroud è un calciatore incredibile, parliamo di un campione del mondo, lui è unico sia in campo che fuori”.

“Sono veramente felice di poter giocare anche con Zlatan, uno dei più grandi giocatori della storia del calcio. È un esempio che con la giusta mentalità e la giusta costanza si può andare avanti all’infinito. Sarà ricordato per molto tempo e per molte generazioni. Non ho parole per descrivere la mia gioia di poter giocare con giocatori così. Campioni come loro rendono più facile il lavoro di tutti”.

“Rivalità con Lukaku? Ci conosciamo fin dal settore giovanile, anche se abbiamo due anni di differenza. Abbiamo giocato spesso contro e sono felice di poter competere con un giocatore così forte. Solo affrontando campioni come lui si alza il proprio livello sia in campo che fuori. Ci sarà gioia e tensione nei derby, sarà un giorno speciale ed entrambi vorremo vincere. Anche a lui piace competere, ma sono certo che lo faremo con il massimo rispetto l’uno dell’altro. Sarà una bella partita”.

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: