Barzagli

Intervista a Tuttosport per Andrea Barzagli, ex difensore della Nazionale e della Juventus. Proprio di bianconeri e di Serie A si è parlato in modo dettagliato con particolare riferimento ai recenti acquisti delle big ma non solo.

Barzagli e le parole sulla Juventus

Sul ritorno di Pogba in bianconero: “È bello e affascinante, anche per i tifosi, riabbracciare Paul. Torna dopo sei anni al Manchester United. È un qualcosa in più per la squadra e anche per tutto l’ambiente: Pogba porterà entusiasmo”, ha detto Barzagli. E ancora: “Pogba è un giocatore di spessore internazionale e ha già giocato nella Juventus. Paul sa cosa vuol dire indossare questa maglia e sa cosa vuol dire vincere. E soprattutto porta personalità, qualità, gol e assist. Ma quello che conta di più è quel mix di personalità e qualità che negli ultimi anni è venuto un po’ a calare”.

Su Di Maria: “Di Maria l’ho affrontato quando era al Real Madrid. È un giocatore dotato di una qualità incredibile. Sono curioso di vederlo nel campionato italiano. È un super acquisto per la Juventus. Può inventare una giocata decisiva da un momento all’altro. Questa è una dote che nel calcio moderno hanno in pochi”.

Su chi inciderà di più tra Pogba e Di Maria in casa Juventus e Lukaku all’Inter: “Spostano di più Pogba e Di Maria perché sono due. Lukaku ha dimostrato di fare la differenza in Serie A, però i due acquisti della Juventus portano quella personalità e quella qualità che un po’ mancava. Pogba e Di Maria faranno ritornare grande la Juventus”.

Un passaggio su mister Allegri: “Allegri è intelligente e lo ha dimostrato anche lo scorso anno. Nel momento di difficoltà ha capito che avrebbe dovuto fare di più, infatti abbiamo visto una buona Juve nella seconda parte. Quest’anno ha un compito ancora più complicato perché il club deve tornare a vincere lo scudetto. Ci saranno momenti da ridere, ma anche momenti in cui stare ben concentrati”. Poi sulla Champions: “Negli ultimi anni la Juventus è uscita contro squadre che, sulla carta, sembravano abbordabili. La Juve deve tornare almeno nei quarti di Champions, poi le variabili sono tante a quel punto. Le big, però, ai quarti arrivano sempre”.

E sul campionato: “Scudetto? Io non faccio i giochini di strategia come fanno gli allenatori nelle dichiarazioni. Metto Juventus e Inter alla pari, con alle spalle il Milan. E poi il Napoli”, ha concluso Barzagli.

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: