Giroud

Olivier Giroud, numero 9 del Milan, è intervenuto a margine dell’evento di presentazione del suo nuovo libro autobiografico: ‘Always Believe’‘Crederci, sempre. Perché ho fiducia nella vita, in Dio, in me stesso e nel destino’. L’attaccante francese, tra le altre cose, ha parlato della stagione passata, dello Scudetto vinto e del tanto affetto ricevuto dai tifosi del Diavolo, ma non solo. Il francese ha fissato l’obiettivo per la prossima stagione e parlato anche dell’eventuale rinnovo del totem rossonero: Zlatan Ibrahimovic.

Milan, Origi: “Storia e tradizione, ecco perché sono qui. Derby? Sono pronto…”

Le parole di Giroud

“La stagione è stata pazzesca – ha dichiarato Giroud -. Ci siamo resi conto di quello che abbiamo fatto anche in vacanza. Ovunque andassi ho sentito e visto tantissimi tifosi del Milan, italiani e non. Mi hanno chiesto tante foto e mi hanno ringraziato per quello che abbiamo fatto. Ho passato le vacanze a cantare “I campioni dell’Italia siamo noi” oppure ‘Siam venuti qua quassù…”. La cosa bella è che sono riuscito a insegnare questi cori ai miei figli e loro imparano velocissimo, sono più bravi di me”.

L’attaccante francese ha parlato poi del momento di svolta della stagione rossonera, ovvero il derby vinto in rimonta proprio grazia ad una sua doppietta: “È un po’ più facile dire queste cose dopo. Da febbraio in avanti è stata dura e una stagione lunga. Non credo che abbiamo vinto lo Scudetto quella notte – ha commentato Giroud -. Sicuramente è stato un grande punto di svolta, ma soprattutto perché ci ha dato la spinta per credere nell’impresa”.

Un po’ come nel libro il mio slogan ‘Crederci sempre’ dovremo applicarlo anche in futuro. Penso che se tu non credi non puoi arrivare ai tuoi obiettivi. È una cosa basica ma tanto vera. Quest’anno sarà ancora più difficile ma siamo pronti a battagliare per lo Scudetto e per raggiungere la seconda stella. Che squadra temo per il prossimo campionato? Juve e Inter sono le squadre che si sono rinforzate di più, allora sarà una battaglia feroce tra loro e noi”.

Giroud si è anche lasciato andare ad una battuta sul suo amico e compagno di reparto Ibrahimovic: “Quando firma il rinnovo gli pago una cena. Vogliamo che firmi, ovviamente nessuna pressione per la società. Ha ancora fame, è importante per lo spogliatoio. Ho parlato tanto con lui, ha la stessa volontà di vincere anche a 40 anni”.

Un pensiero su “Milan, Giroud: “Pronti a battagliare per ripeterci. Ibra? Se firma gli pago la cena””

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: