Maria Sole Ferrieri Caputi - arbitro Serie A

L’AIA (Associazione Italiana Arbitri) ha presentato a Coverciano la Formazione dei Ruoli Arbitrali Nazionali per la Stagione Sportiva 2022/2023. Tra le grandi novità, inevitabilmente, a catturare l’attenzione dei media, è stata la promozione di Maria Sole Ferrieri Caputi ad arbitro C.A.N., che renderà ufficialmente la 32enne il primo arbitro donna nella storia a raggiungere la Serie A.

Le società calcistiche vogliono arbitri bravi, a prescindere la loro genere o dal territorio di provenienza, il nostro compito è quello di fornire un servizio di qualità” ha detto Gianluca Rocchi, responsabile degli arbitri di Serie A e B. Anche il presidente dell’AIA Alfredo Trentalange ha voluto commentare questo traguardo storico: “Noi crediamo nel valore delle persone a prescindere dal loro genere, che ci siano uomini o donne. Le squadre si aspettano un arbitro bravo, non un arbitro uomo o donna“.

Qatar2022: per la prima volta ci saranno 3 arbitri donna

Maria Sole Ferrieri Caputi: vita privata e carriera

Maria Sole Ferrieri Caputi, nata a Livorno il 20 novembre 1990, è un arbitro di calcio che si divide tra il lavoro come ricercatrice e lo studio. È laurata in Scienze Politiche e Relazioni Internazionali all’Università di Pisa con una magistrale in Sociologia all’Università di Firenze e, al momento, è anche ricercatrice alla Fondazione Adapt.

La Ferrieri, appassionata di calcio fin da giovanissima, ha iniziato molto presto la sua carriera di arbitro. All’età di 17 anni è entrata nell’AIA e poco tempo dopo ha diretto la sua prima gara ufficiale in un match provinciale Antignano Banditella-Sorgenti.

Le sue qualità e la sua autorevolezza in campo la portano a fare carriera. Il 15 novembre 2015, a 25 anni, fa il suo esordio in Serie D e appena l’anno dopo diventa arbitro internazionale.

Maria Sole Ferrieri Caputi, proprio durante le partite di Qualificazione al campionato europeo femminile, dirige Scozia-Cipro e successivamente Macedonia del Nord-Serbia. Proprio in campo Europeo si mette in mostra e si guadagna la promozione, prima in Serie C e poi in Serie B. Il 17 ottobre 2021 viene designata per il match tra Cittadella-SPAL, diventando il quarto arbitro donna a dirigere un incontro della Serie cadetta.

Due mesi dopo arbitrerà Cagliari-Cittadella, valevole per i sedicesimi di Coppa Italia, diventando la prima donna ad arbitrare una partita che coinvolge un club di Serie A.

Il 1° luglio, come detto, è stata promossa nella Sezione C.A.N., passaggio fondamentale che, di fatto, la rende il primo arbitro donna di sempre ad approdare in Serie A.

“Non chiamatemi arbitra, ma arbitro – ha dichiarato la Ferrieri Caputi -. Novanta volte su cento quando mi dicono arbitra è per sottolineare che sono una donna. Quindi preferisco arbitro. Credo che quando non ci sarà più l’esigenza di sottolinearlo, allora vorrà dire che ci sarà davvero parità”.

3 pensiero su “Maria Sole Ferrieri Caputi: chi è il primo arbitro donna in Serie A”

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: