Maurizio Arrivabene

Intervista a 360° con Tuttosport per l’amministratore delegato della Juventus Maurizio Arrivabene che ha parlato di tantissimi temi legati all’attualità bianconera. Dagli obiettivi societari al mercato con parole importanti su De Ligt, Pogba e non solo.

LA NUOVA MAGLIA DA TRASFERTA DELLA JUVENTUS

Juventus, Arrivabene tra obiettivi e mercato

Si parte dagli obiettivi della Juventus, tra traguardi e sportivi ed economici: “La Juve ha l’obiettivo di mantenere la squadra ad altissimi livelli e puntare altissimi obiettivi. Stiamo progettando una Juve che parta dal calcio ma si allarghi in altre dimensioni, vogliamo andare oltre il concetto di club e diventare una global company. La Juve è ‘emozione’, per questo credo si possa creare un prodotto che interessi non solo gli appassionati di calcio. La serie su Amazon è stato un esperimento. Come la Ferrari? Quello è un marchio nato globale, la Juve può diventarlo”, ha spiegato Arrivabene.

Ancora sul bilancio: “Gli effetti della pandemia non sono passati, chiudiamo un bilancio dolorosissimo. La chiusura dello Stadium e del museo ci hanno causato 75/80 milioni di perdite su due esercizi con una marginalità dell’80%. Non voglio fare critiche, ma sapete che, per esempio, Douglas Costa inciderà ancora sul prossimo bilancio?”.

Il mercato: Pogba e De Ligt

Si passa al mercato: “Pogba? Gli stiamo parlando, le cose stanno evolvendo molto, molto bene. Com’è nata l’idea? In quelle riunioni si fanno dei nomi, come quello di Vlahovic che poi è arrivato. Apri la porta, lanci un nome e tutti ti guardano come un matto; poi, piano piano la macchina si avvia e si costruisce l’operazione. Pogba è nato così. La sua presenza sarà fondamentale anche dal punto di vista commerciale, anche se il mio sogno è avere un giocatore italiano che venga riconosciuto a livello internazionale: un Totti, un Del Piero, un Buffon…”. 

Poi su De Ligt: “Parliamo di nuovo di giocatori che seguono i consigli dei procuratori. Oggi è impossibile tenere un giocatore che vuole andare via, è una questione di numeri. Ma dal tavolo della trattativa bisogna alzarsi tutti soddisfatti”.

Prima pagina Tuttosport 30 giugno 2022

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: