Calhanoglu

Stanno facendo il giro del mondo le parole di Hakan Calhanoglu a Tivibu Spor. Il centrocampista turco dell’Inter ha fatto un bilancio dell’annata in nerazzurro, la prima della sua carriera, sottolineando cosa non abbia funzionato nella corsa scudetto e rispondendo anche ad alcune critiche e sfottò giunte dalla sponda rossonera di Milano.

VICE CALHANOGLU E NON SOLO: TUTTO SU MKHITARYAN

Calhanoglu e lo scudetto

“Questa è stata davvero una stagione tosta. Abbiamo giocato senza sosta, in Champions League, in campionato e con la Nazionale. Siamo andati anche in ritiro alla fine del campionato e sono felice di aver finito quattro partite su quattro. Ho altre due settimane di vacanze, domani andremo ad Antalya e faremo una vacanza lì con mio fratello Merih (Demiral, ndr). Dopo la partita con la Nazionale a Smirne, nessuno voleva andarsene”, ha esordito Calhanoglu.

Sullo scudetto perso: “Abbiamo perso un derby che è cambiato improvvisamente al 75′ dopo che io e Perisic siamo stati sostituiti. Eravamo in vantaggio 1-0, poi abbiamo perso 2-1. Anche l’allenatore ha contribuito alla sconfitta, gliel’ho pure detto. In Coppa, invece, li abbiamo battuti 3-0. La squadra è molto ambiziosa”.

Le parole di Ibrahimovic

Sulle critiche ricevute: “Penso di essere severamente criticato di tanto in tanto, ma vivo tutto dentro di me. Dopotutto, ho una grande responsabilità su di me. Ma chi mi conosce bene, sa cosa ho passato. Ecco perché sono preparato a tutte le critiche che vengono dall’esterno. Queste sono normali, comunque non sono venuto qui facilmente. Ci sono sempre critiche. Ma la mia posizione è chiara, è chiaro dove gioco. Ecco perché cerco di non ascoltare”.

Tra chi lo ha criticato e lo ha un po’ preso in giro c’è anche Ibrahimovic a cui Calhanoglu non risparmia una dura risposta: “Parliamo di un uomo di 40 anni, io non farei una cosa così se avessi quell’età. Non ha 18 anni. Gli piace essere al centro dell’attenzione. Quest’anno non ha contributo allo scudetto, non ha praticamente giocato. Ma fa di tutto per attirare l’attenzione dei tifosi. Non mi interessa affatto, non è giusto per una persona che mi chiamava sempre quando ero al Milan, che voleva uscire a cena e andare in moto con me. Lo rispettavo e per me era così. Ha anche scritto di me nel suo libro: doveva scrivere o il suo libro sarebbe stato vuoto. Non gli rispondo, è meglio non rispondere”.

Un pensiero su “Calhanoglu: “Inter, scudetto perso nel derby anche per scelte del mister. Ibra? Non ha mai giocato…””

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: