F1 - GP Azerbaijan - Baku

La F1 riaccende i motori. Dopo la cocente delusione nel Gran Premio di casa Charles Leclerc dovrà cercare di risollevare la testa e provare ad evitare la fuga dei rivali della Red Bull. Quale occasione migliore del GP d’Azerbaijan? Come detto il Circus torna a correre a Baku, circuito cittadino costruito attorno alla capitale azera per l’8° appuntamento del mondiale di Formula Uno. Le caratteristiche della pista potrebbero avvantaggiare il team della lattina ma, come ben sappiamo, l’imprevisto tra le mura di Baku è sempre dietro l’angolo. Dal 2017 ad oggi si sono infatti visti sempre dei poleman diversi, vincitori diversi e 4 diversi piloti per quanto riguarda i giri veloci.

F1, a Monaco vince Perez. Sainz rende meno amara la domenica Ferrari. Leclerc quarto e furibondo

F1: il programma con gli orari per vedere il GP d’Azerbaijan

Come l’anno scorso, l’intera stagione di F1 sarà trasmessa in esclusiva da Sky. Come di consueto il GP d’Azerbaijan a Baku andrà in onda su Sky Sport F1 (207) e Sky Sport 4K (213), e in live streaming sulle app di SkyGo. Chi volesse seguire la gara in streaming potrà farlo anche attraverso il servizio on demand di NOW, piattaforma che trasmette i contenuti Sky.

In occasione del GP d’Azerbaijan TV8 trasmetterà in differita tutti i momenti salienti del fine settimana, dalle qualifiche del sabato, a partire dalle 18:30 fino alla gara di domenica dalle 18 in poi.

Orari Sky

Venerdì 10 giugno

FP1: ore 13:00 – 14:00

FP2: ore 16:00 – 17:00

Sabato 11 giugno

FP3: ore 13:00 – 14:00

Qualifiche: ore 16:00 – 17:00

Domenica 12 giugno

Gara: ore 13:00
 

Palinsesto TV8 (Differite)

Sabato 11 giugno

Qualifiche: ore 18:30

Domenica 12 giugno

Gara: ore18:00

Le caratteristiche del circuito di Baku

La pista di Baku è lunga oltre 6 chilometri con la peculiarità del rettilineo conclusivo di quasi 2 chilometri e con le auto a farfalla piena per oltre 20 secondi. A differenza di Monaco i team dovranno adottare quindi degli assetti aerodinamici molto scarichi ma, allo stesso tempo, trovare il giusto bilanciamento della vettura per la parte guidata del tracciato (settore del castello). Quest’anno inoltre ci sarà l’incognita del porpoising delle vetture, dovute all’effetto suolo che è tornato a fare da padrone nella nuova era della Formula 1.

Saranno presenti due zone Drs: rettilineo principale e rettilineo opposto che da curva tre va fino a curva 4. I due allunghi sono intervallati da due curve di media velocità a novanta gradi. Da curva 4 in avanti inizia invece la zona lenta e tortuosa che porta al castello della città con la caratteristica curva 8 tra le mura cittadine. In gara si percorreranno 51 giri per un totale di 306 chilometri.

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: