Albertini

Demetrio Albertini, presidente del settore tecnico della FIGC ed ex centrocampista del Milan, in una recente intervista a La Gazzetta dello Sport ha speso parole al miele per raccontare l’incredibile stagione di Sandro Tonali, vero e proprio punto fermo della squadra di Stefano Pioli. La leggenda rossonera ha parlato anche del futuro del giovane centrocampista e della possibilità che proprio Tonali diventi un pilastro del nuovo Milan targato RedBird.

Pioli e lo scudetto del Milan: “Kalulu rivelazione della stagione. I momenti chiave sono stati…”

Albertini su Tonali

Interrogato circa la possiblità che l’ex Brescia possa diventare l’uomo simbolo di questo Milan anche negli anni a venire Albertini ha dichiarato: “Il Milan fa bene a puntare su Tonali e il rinnovo di contratto sarebbe un buon inizio per poi pianificare il futuro della squadra. Bandiera non si ma si diventa, anche se da qualche punto bisogna pur cominciare”.

E ancora: “Bisogna dare tempo al tempo, Sandro ha appena compiuto 22 anni e bisogna lasciargli l’occasione di fare il suo percorso con tranquillità. Oggi è già protagonista della squadra campione d’Italia, domani magari diventerà un leader e poi un senatore della squadra. Solo a quel punto potremo parlare davvero di bandiera”.

“Lui rappresenta il fulcro del blocco italiano in squadra – ha aggiunto Albertini -. Per età, senso di appartenenza e spirito da trascinatore Sandro ha tutto per diventare una bandiera del club lo dico da quando è arrivato al Milan e faceva fatica… Bisogna ricordare però che adesso è tutto nelle sue mani”.

“Adeguamento di contratto? Credo che sia una cosa normale, anche se in linea generale credo che i contratti vadano rispettati e non aggiustati in corso d’opera. Nel suo caso credo si possa fare un’eccezione – ha aggiunto l’ex centrocampista -. Tonali ha vissuto un’annata strepitosa e nella sua storia ha fatto il gesto di ridursi l’ingaggio pur di rimanere in rossonero. Nel calcio moderno è una rarità vista pochissime volte ed è giusto che il club glielo riconosca in qualche modo”.

3 pensiero su “Albertini: “Tonali trascinatore del Milan. Per diventare bandiera deve…””

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: