Cagliari Capozucca

Arrivano dichiarazioni importanti per il Cagliari in vista della prossima stagione in Serie B. Intervenuto in conferenza stampa, il direttore sportivo Stefano Capozucca ha spiegato come la società si muoverà per affrontare l’annata 2022-23 nella cadetteria.

Cagliari, le parole di Capozucca: rosa e Joao Pedro

Su quello che sarà il gruppo del Cagliari della prossima stagione: “Non possiamo mandare via 25 calciatori, 5 o 6 vorrei tenerli soprattutto chi ha determinati valori. Prevedo ma saranno i fatti, che cambieremo molto e questa è la mia intenzione e Giulini è d’accordo con me”.

Tra chi dovrebbe restare ci sarà Deiola: “Ripeto, non partiremo con 25 giocatori nuovi. Faccio un solo nome: Deiola. Ha il cuore sardo, non ha qualità del fuoriclasse ma ha sentimento e spirito battagliero per giocare nel Cagliari che deve risorgere. Potrebbe essere il nuovo capitano”, ha detto Capozucca.

Un pensiero specifico merita Joao Pedro: “Ha un solo anno di contratto, è un giocatore che sembra il mio “figliolo”. 7 anni fa non era apprezzato da nessuno, gli ho fatto disfare le valige e lo tenni. Joao Pedro ha dei costi, è andato in Nazionale anche se è andata male, ed è giusto che faccia il suo percorso. Al momento sarebbe un lusso per noi, ma non può giocare in Serie B e deve fare il suo percorso”.

Sulla Serie B che sarà: “Non faccio proclami. Oggi ci sono almeno 9 squadre che puntano alla Serie A, il Modena ha stanziato una cifra folle per il mercato. Non prendiamo in giro i tifosi, è più facile salvarsi in A che vincere la B, facciamo la squadra con calma, ho le idee chiare e non faremo cose folli. Ci vorranno 22 milioni che il Presidente metterà per l’iscrizione al campionato, non possiamo fare proclami. Magari faccio un buon mercato e porto a casa buoni giocatori”.

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: