Saelemaekers - Milan

Dopo il percorso trionfale del Milan, culminato nella serata di Reggio Emilia con il 19° Scudetto del Diavolo, è già tempo di programmare il futuro. Archiviato l’accenno di polemica tra Paolo Maldini ed Elliott, e formalizzato il passaggio di consegne dal fondo americano alla cordata RedBird, la dirigenza rossonera dovrà ora allestire una rosa competitiva in Italia e in Europa. È questa la nuova sfida per i dirigenti del club che dovranno saper compensare l’inevitabile addio di giocatori importanti come Romagnoli e Kessié, ma anche rinforzare il reparto offensivo (orfano di Ibra per almeno 8 mesi) e sciogliere i dubbi su diversi giocatori. Tra i giocatori già da tempo attenzionati troviamo Divock Origi, ormai formalmente un giocatore del Milan, Sven Botman e Renato Sanchez, ma non solo.

Milan, ufficiale passaggio a RedBird: chi sono i nuovi proprietari

Milan: chi parte e chi resta

Come riportato da La Gazzetta dello Sport i dirigenti rossoneri dovranno far fronte a delle cessioni per poter allestire il Milan del futuro. Ma chi sono i giocatori in uscita? Secondo la rosea, tra i giocatori in bilico troviamo sicuramente Bakayoko, Brahim Diaz, Messias e Florenzi. Il primo è finito ai margini del progetto ed è stato raramente utilizzato da Stefano Pioli. Difficile che i rossoneri esercitino il riscatto dal Chelsea. Per il secondo la situazione è diversa: lo spagnolo, in prestito dal Real Madrid, è apprezzato dal tecnico emiliano ma, la sua involuzione nella seconda parte di stagione, potrebbe spingere i rossoneri ad una profonda riflessione.

Il discorso si complica per quanto riguarda Junior Messias e Alessandro Florenzi. Per il riscatto del 31enne brasiliano, il club dovrebbe investire altri 5 milioni, più facile allora che il Milan investa per un giovane di prospettiva nel suo ruolo. Florenzi, fondamentale per il suo apporto soprattutto dal punto di vista caratteriale e dell’esperienza, potrebbe ancora fa comodo al Diavolo ma sarebbe chiuso da un eventuale arrivo di Botman e il conseguente ritorno di Kalulu nella sua fascia di competenza, la destra.

Tra i partenti troviamo invece il terzino sinistro Ballo-Touré, arrivato a Milano per 5 milioni e quasi mai utilizzato dal tecnico campione d’Italia.

Ecco che allora che gli giocatori ‘sacrificabili’ per poter operare sul mercato sono Ante Rebic e Alexis Saelemaekers. L’attaccante croato è stato spesso fermato dagli infortuni ma ha sicuramente un buon mercato in Italia e anche all’estero. Per il funambolo belga si è già parlato di uno scambio (+25milioni) per Nicolò Zaniolo, primo grande obiettivo del nuovo Milan targato RedBird.

Un pensiero su “Milan, nasce la squadra della prossima stagione: chi parte, chi resta e i nuovi arrivi”

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: