Kalulu

Pierre Kalulu, difensore del Milan e rivelazione della stagione dei rossoneri, si è raccontato a 360° in un’intervista per City Stade, format curato dal media francese VISTA. L’esterno, cresciuto nelle giovanili del St. Priest e del Lione, ha svelato un curioso retroscena sul suo esordio con la maglia del Diavolo e di un siparietto avuto con mister Pioli.

Milan, Kalulu: “Ho capito l’importanza di questa maglia. Futuro? Posso migliorare ancora”

Kalulu si racconta

“Il mio esordio è arrivato tardi, se non sbaglio era una trasferta contro lo Sparta Praga in Europa League – ha esordito Kalulu -. Non avevo giocato per 4 mesi, un lungo periodo. Il mister mi aveva affibiato un piano di adattamento fisico e tattico di qualche mese perché il campionato italiano è molto diverso rispetto a quello francese. Dovevo capire la mia posizione in campo, i miei compiti e la tattica. L’allenatore riteneva che ci fossero giocatori migliori di me in quel momento e c’era un ragazzo che giocava meglio. Lì ho deciso di stringere i denti, e l’ultima partita in Europa League l’ho giocata da centrocampista di sinistra”.

Il numero 20 rossonero si è poi conquistato la fiducia di mister Pioli tanto da essere ormai un titolare inamovibile, ma non è sempre stato così. Kalulu ha infatti svelato un curioso retroscena che ha, di fatto, portato al suo esordio con il Milan: “Durante l’allenamento in settimana il mister mi chiese: ‘Hai mai giocato come centrocampista o ala destra?’ Ho risposto ‘Sì, nessun problema’” ha raccontato l’ex Lione.

“Avrei risposto a prescindere così anche se mi avesse chiesto di giocare al centro (ride, ndr). Ma in realtà era vero. A Lione ci allenavamo per essere i migliori in ogni ruolo, anche a centrocampo. Quando non giochi non hai diritto ad essere felice, sei tu che devi inseguire i tuoi obiettivi. Io fatico e sudo. Al mio primo match mi ero talmente impegnato che onestamente non sentivo la pressione”.

E ancora: “Era come se fossi stato a digiuno per quei quattro mesi. Avrei corso come un matto, e mi sarei mangiato ogni piccola bricciola. La prima partita è andata benissimo e l’allenatore si è accorto di quanto corressi e della mia forza. Ma ovviamente c’erano delle cose da migliorare”.

Un pensiero su “Milan, Kalulu svela: “Al mio debutto dissi a Pioli…””

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: