Carboni

Ci ha messo un po’ per digerire la delusione, ma adesso Andrea Carboni, difensore del Cagliari, ha deciso di parlare. Su Instagram, il difensore sardo ha lasciato un messaggio dopo la retrocessione in Serie B del suo club. Un lungo post di scuse, ma anche dove è palpabile l’amarezza e la grande sofferenza per questo risultato sportivo che lui stesso definisce “atroce”.

Cagliari, il post social di Carboni

“Sono tre giorni che penso e rifletto, ora a mente fredda vorrei condividere con voi ciò che provo”, le parole di Carboni. “Nel 2015 facevo il raccattapalle, vedevo i calciatori della prima squadra piangere per la retrocessione e non capivo realmente cosa significasse. Domenica sera quando l’arbitro ha fischiato tre volte mi è caduto il mondo addosso. Siamo retrocessi nel modo più atroce… E no, non si è mai pronti per una delusione simile. Una cosa è certa, abbiamo sempre provato a dare il 100% per il Cagliari e i suoi tifosi. Ci abbiamo creduto, abbiamo fallito, ma siamo sempre rimasti uniti e per questo sono e sarò sempre orgoglioso dei miei compagni”.

La conclusione del post è un inno alla riscossa: “Lo sport insegna che si cade e ci si rialza da uomini. E ora da uomini dobbiamo reagire, calciatori e tifosi. Perché abbiamo commesso errori ma Cagliari e la Sardegna meritano la Serie A. E sono convinto che ritorneranno al loro posto”.

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: