Milan Pioli

Vigilia di campionato per il Milan di Stefano Pioli che domani affronterà il Sassuolo al Mapei Stadium per l’ultima giornata, quella che potrebbe dare lo scudetto al Diavolo. Il mister ha parlato in conferenza stampa.

Sassuolo-Milan, parla Pioli

“Se ad inizio stagione avrei firmato per arrivare qui in questo momento a giocarsi lo scudetto? Devo dire quello che ho detto alla squadra: siamo stati i migliori fino ad oggi, ma dobbiamo esserlo anche domani. Abbiamo preparato la partita con lavoro, concentrazione e serenità. Non conta ciò che hai fatto fino a ieri, ma conta ciò che saremo in grado di fare domani. Abbiamo una grande occasione: ce la siamo costruita e meritata, ma ora bisogna finirla”, ha detto Pioli.

“A cosa penso e qualche canzone sceglierei per questo momento? Voi giornalisti siete molto poetici, ma io in questo momento voglio essere molto terra terra. Sono concentrato su domani. È una partita difficile. Nessuno ci ha regalato niente e domani sarà lo stesso perché il Sassuolo proverà a batterci. Ho pensato solo a preparare al meglio la partita, sapendo che siamo arrivati a questo punto con delle basi solide”.

“Come ho visto i miei giocatori e se dormiranno? Per come li ho visti credo di sì. I miei giocatori sono strani, ma in senso positivo: vedo gli stessi atteggiamenti e la stessa serenità di sempre, forse data della loro giovane età. Ho sempre dormito bene prima delle partite, poco dopo; spero domani di dormire veramente poco”.

“Cosa posso dire ai tifosi? Sarà una sfida difficile, ma insieme siamo sicuramente più forti. Domani abbiamo bisogno di tutti, anche di coloro che non potranno essere presenti”.

Su Ibrahimovic e la sua importanza: “Quanto è stato importante? Tantissimo, come tutti noi. Stiamo vivendo un momento importante. Domani si chiuderà un campionato, tra il vincere e il non vincere ora c’è differenza. Tutti i miei giocatori devono pensare di poter essere i giocatori decisivi”.

“Cosa deve fare e non fare il Milan? Giocare da Milan e non pensare che sarà una partita facile”.

“Tutto iniziato dal 5-0 di Bergamo? Da quella partita lì io ho capito tante cose, i giocatori hanno capito tante cose, la dirigenza ha aiutato con gli arrivi di Ibrahimovic e Kjaer. Da lì siamo partiti con una continuità ed energia diversa rispetto a prima”.

Un pensiero sulle parole dei tesserati del Sassuolo: “Nessun pensiero. Lo sport è competizione e noi siamo primi in classifica. Chi gioca contro di noi ha dato il massimo e domani il Sassuolo ha dato il massimo. Per questo dobbiamo giocare da Milan dall’inizio alla fine”.

Sui singoli e gli atteggiamenti: “Tutti sanno che domani ognuno di loro può mettere un tassello davvero per la storia. Possono essere decisivi”.

“Kjaer aveva detto di voler vedere la crescita della squadra in questa stagione. Cosa penserà? La crescita della squadra si può misurare con l’assenza che c’è stata duratura di Kjaer e temporanea di Ibrahimovic. Li ho persi per tanto tempo. Pensate a quanto sia cresciuta la squadra che è riuscita a fare a meno di loro. Simon si sarà dato risposte positive”.

“Sacrificio, lavoro e passione e poi? Entusiasmo. Ci ha sempre accompagnato e dobbiamo metterlo in campo anche domani. Siamo una squadra che deve giocare anche con le proprie emozioni”.

Rispondendo alle domande dei tifosi e fan dai social: “Cosa direi ai tifosi? “Forza, lotta… (vincerai ride ndr)”, ha concluso Pioli in modo scaramantico senza dire la parola vittoria.

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: