Inter Inzaghi

La Sampdoria da battere e poi rivolgere uno sguardo al Mapei Stadium per sapere il risultato del Milan. L’Inter si avvicina all’ultima giornata di campionato dove si giocherà, a distanza, lo scudetto con i rossoneri. Mister Simone Inzaghi ha presentato la gara di San Siro di domani in conferenza stampa.

Inter-Sampdoria, parla Inzaghi

Sul momento della squadra e come è stata vissuta la settimana: “La squadra ha fatto una settimana come le altre per preparare la partita, abbiamo novanta minuti da giocare sapendo che non dipende da noi, ma daremo il 120 per cento e poi vedremo cosa accadrà”, ha detto Inzaghi.

“Cosa sceglierei come momenti di questa annata? Abbiamo vinto due trofei, trovato gli ottavi di Champions e siamo qui a giocarci lo scudetto all’ultima giornata”.

Su come affrontare l’ultima giornata: “Guardiamo solo alla Sampdoria, hanno fatto una grande partita contro la Fiorentina, una squadra libera di testa e sappiamo che il nostro destino non dipende solo da noi, ma passa dalla Samp. Affronteremo questa gara in modo serio, come sempre”.

“Voto alla stagione? I voti dateli voi, io posso dire che gli obiettivi sono stati raggiunti, pur in un anno non semplice. Siamo stati bravi a vincere due coppe e a giocarsi all’ultimo il titolo. Il campionato può riservare sempre qualcosa, non dipende tutto da noi, io penso solo alla Sampdoria”. E ancora: ” La squadra ha fatto una grandissima annata e sono molto contento. Sarebbe straordinario vincere anche lo scudetto, ma abbiamo dato tutto e sappiamo di aver dato soddisfazioni al nostro pubblico”.

“Cosa mi aspetto dalle gare di Sassuolo e Sampdoria? Onestamente credo che Inter e Milan debbano preoccuparsi di loro, più che della squadra concorrente. In questo momento possono migliorare, daranno tutto in quei novanta minuti”.

Sul futuro di Perisic e Handanovic: “Samir ha fatto molto bene, un giocatore fondamentale. Ivan ha fatto una stagione straordinaria e ovviamente vorrei restasse. La prossima settimana con la società faremo un meeting per gli obiettivi e la crescita della squadra. C’è un rapporto grande, aperto e faremo il punto su tutto”.

“Senza scudetto confronti tra me e Conte? Con Antonio ho un ottimo rapporto, c’è stima reciproca. Normali i paragoni, ma non ho mai dato nessun peso. La società è sempre stata con me fin dal primo giorno. Sarà comunque stata un’annata soddisfacente per il nostro lavoro”.

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: