Milan Pioli

Vigilia di campionato per il Milan di Stefano Pioli che domani, per la 37^ giornata di Serie A, se la vedrà a San Siro contro l’Atalanta. Il tecnico rossonero ha presentato la difficile partita.

Milan-Atalanta, parla Pioli

“Dalla gara contro la Lazio stiamo giocando gare da dentro o fuori. Abbiamo superato tappe difficile e domani è un’altra di queste. L’Atalanta ci costringerà a giocare il miglior calcio possibile. Loro, dopo di noi, credo siano la migliore in trasferta”, ha esordito Pioli.

“I tifosi e il pienone di San Siro? Ci darà ancora più carica ed energia. Sappiamo quanto sono bravi e forti i nostri tifosi. A livello personale posso dire che ho visto una squadra molto attenta, che ha lavorato molto bene con la giusta serenità. Altre emozioni che non riguardano la partita di domani non ci sono”.

“Con l’Atalanta non è una gara banale e potrebbe essere la chiusura di un cerchio? Quella sconfitta umiliante del 5-0 è stato l’inizio di un qualcosa che ci ha fatto capire tante cose, ma domani non chiude il cerchio perché ci sarà anche l’ultima partita. Non dobbiamo cambiare questo. All’andata abbiamo giocato molto bene con una squadra forte. Domani mi aspetto forse delle cose diverse da loro. Non sappiamo molte cose. Sarà una partita molto difficile ma l’abbiamo preparata bene”.

“Noi affronteremo questa gara con le nostre consapevolezze. Abbiamo superato delle tappe negli anni. Siamo ad un momento in cui siamo stati bravissimi, ma ora dobbiamo essere i migliori da qui alla fine”.

Se il Milan vince e l’Inter perde… “Noi dobbiamo solo pensare alla nostra partita. Solo a quello. Ciò che succederà dopo dipenderà dalla nostra partita, da quello che sarà il risultato della partita. Per questo dobbiamo rimanere concentrato su quello”.

“Se ho notato qualcosa nella squadra? Giusto un pizzico di attenzione in più. Ma la solita squadra, attenta, concentrata”.

“Come mi sento io e la squadra? Concentrati e motivati. Io e loro”.

“Ibrahimovic The Last Dance? Non credo. No. Mi auguro non sia l’ultima perché Zlatan è importantissimo per tutto. Ma conta la partita di domani che sarà importante per lui, per noi e per tutti. Lui saprà scegliere il suo futuro, ora pensa a domani”.

Tornando sul 5-0 subito dall’Atalanta: “Se ricordo lo striscione dei tifosi? Misero quello striscione nel riscaldamento, poi da inizio gara ci incitarono. Li ho capito che non si erano dimenticati delle brutta figura, ma che ci volevano aiutare a risollevarci”.

Ancora sull’Atalanta: “Sarà una partita tra due squadre che vorranno offendere e che sono organizzate: la qualità e l’intensità faranno la differenza”.

“Se penso che l’Inter possa vincerle entrambe? Non lo so e non mi interessa, non penso all’Inter. Siamo solo concentrati su di noi, non abbiamo bisogno di altri stimoli perché siamo già al massimo”.

Su Tonali: “Nuove caratteristiche e posizione di Tonali? Ci siamo arrivati tramite la conoscenza, che si ha col tempo. Io non parlerei di cambio di sistema, perché noi lo cambiamo continuamente. Tonali ha anche la caratteristica di inserirsi, ha una gamba sopra la media e va sfruttata con e senza palla”.

“Abbiamo vissuto tante esperienze in questi anni. La partita di domani è sicuramente una di quelle dove bisogna raccogliere il frutto del nostro lavoro”.

2 pensiero su “Milan-Atalanta, Pioli: “Il 5-0 subito è stato umiliante ma capite tante cose. Ibra? Mi auguro non sia l’ultima””

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: