de Ligt

La Juventus ha sperato di portare a casa il derby della Mole contro il Torino grazie alla sua incornata. Adesso, spera di poter fare meglio in Champions League e magari di vederlo promosso come capitano. Parliamo del centrale difensivo Matthijs de Light che ha analizzato la stracittadina disputata dai suoi e il prossimo match di Coppa dei bianconeri ai microfoni di DAZN.

RANKING STORICO UEFA: JUVENTUS IN TOP 10

Juventus, senti De Ligt

“Il derby è sempre una gara importante. Per la città, per i tifosi. Ed è per questo che volevamo vincerlo”, ha esordito De Ligt. “Con Alex Sandro è andata bene. Non è il suo ruolo, ma si è mosso bene. Avevamo tre centrali fuori per infortunio, più Danilo squalificato. Eravamo in emergenza, ma la difesa ha retto bene”.

Sul suo gol: “E’ stata una bella rete, per certi versi simile a quella segnata da Danilo con l’Atalanta. Quando entri con forza su un pallone battuto dal corner, hai più possibilità di fare gol. Devo ringraziare Cuadrado che ha battuto un bel calcio d’angolo. La rete del Torino? Quando arrivano i cross dal fondo è importante che tutti e due i centrali siano in area e io non c’ero, ho provato a raddoppiare sul portatore di palla. E’ stata una gara strana, con loro che attaccavano spesso da sinistra e ci costringevano ad uscire”. 

Poi un passaggio sulla Champions: “Non sono preoccupato per l’assenza di tanti difensori. Abbiamo già giocato senza tanti titolari e chi è entrato in campo ha sempre fatto bene”.

Contro il Villarreal restano in dubbio Chiellini, Bonucci e Dybala, ovvero i tre capitani. Se confermate le loro assenze, Allegri potrebbe scegliere l’olandese come capitano: “Non credo, nella squadra la fascia spetta a chi ha giocato più gare e davanti a me ci sono tanti altri calciatori. Devo prima fare qualche altro anno qui“. 

Un pensiero su “Juventus, umiltà De Ligt: “Io capitano? Devo giocare ancora qualche anno””

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: