F1 GP Abu Dhabi - Yas Marina Circuit - fonte Twitter

Con l’avvicinamento alla nuova stagione di F1, e l’avvicendamento di Mohammed Ben Sulayem a capo della FIA, è in arrivo una vera e propria rivoluzione nel Circus della Formula 1. Dopo le controversie scaturite al termine della passata annata tra i piloti Lewis Hamilton e Max Verstappen, e “tra i muretti” di Mercedes e Red Bull, il direttore di gara Michael Masi è stato rimosso dall’incarico.

FERRARI, SVELATA LA NUOVA F1-75

FIA, inizia la riforma della F1

La notizia è arrivata dal nuovo presidente della FIA con un comunicato ufficiale. Ma non solo. E’ stata anche svelata la ‘riforma dell’organizzazione dell’arbitraggio e della direzione di gara‘.

La rivoluzione include la creazione di una Virtual Race Control Room che, come la VAR nel calcio, aiuterà il direttore di gara nel processo decisionale. La VRCR sarà posizionata in uno degli uffici FIA appena fuori dai circuiti e sarà in collegamento in tempo reale con il direttore di gara della F1.

In secondo luogo, saranno vietati i team-radio tra muretti e il race director, al fine di tutelare il direttore di gara da qualsiasi pressione e consentirgli di prendere decisioni serenamente. I team potranno comunque comunicare con la direzione seguendo un iter ben definito e non invadente.

In terza battuta il Comitato Consultivo Sportivo di F1, rivaluterà le procedure di “Safety Car release” prima dell’inizio della nuova stagione.

Infine, Michael Masi, successore del compianto Charlie Whiting, verrà sostituito da un gruppo formato da Niels Wittich e Eduardo Freitas – che si alterneranno nel ruolo di Direttore di Gara – assistiti da Herbie Blash come consulente.

Un pensiero su “F1, è rivoluzione: addio Masi e VAR come nel calcio”

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: