Psg Donnarumma

Il presente si chiama Psg, ma il passato, quello al Milan, resta ancora forte nella testa e nel cuore di Gianluigi Donnarumma. Il portiere della Nazionale italiana ha concesso un’intervista a La Gazzetta dello Sport nella quale ha parlato del suo addio ai colori rossoneri e della stagione in Francia.

A tutto Donnarumma

Sull’ambientamento a Parigi: “Va tutto al meglio. La squadra mi ha accolto bene fin dall’inizio, facendomi subito sentire uno di loro. Mi sono ambientato alla grande, ho già trovato casa e qualche amico. E poi anche Marco Verratti mi aveva parlato bene dell’ambiente prima che arrivassi. Lavoro ogni giorno pure con Gianluca Spinelli dello staff tecnico. Insomma, anche se all’inizio non è stato tutto semplice, adesso qui mi sento a casa”, ha detto Donnarumma.

Tornando sull’addio al Milan: “Dopo tanti anni non è mai facile separarsi da una realtà come il Milan. Al Milan sono cresciuto come uomo e giocatore. Non posso che ringraziare il club per tutto quello che ha fatto per me. Anche i tifosi mi hanno sempre trattato bene. A Milano mi sono sempre sentito a casa. Poi però si sa come sono andate le cose. Tutti magari danno tutta la colpa a me, senza però guardare cos’è successo dall’altra parte. Diciamo in sintesi che l’ultima telefonata da parte del club è stata per comunicarmi che avevano preso un altro portiere. Quindi è finita così”.

Ancora sul Milan e sull’essere tifoso rossonero: “Da tifoso seguo tutto sempre con passione. Sento spesso i miei ex compagni di squadra, ma anche il mister Pioli e sono contento per come stanno andando le cose al Milan. Spero che arrivino fino in fondo e che continuino a fare un grandissimo campionato, come finora. Ho seguito e gioito per il derby vinto. Sono contento per il mister, per i tifosi e per il Milan”. Un passaggio anche su Maignan: “Mi ha fatto una bella impressione. Gli faccio i complimenti, a lui e a tutta la squadra”.

Tornando al presente: “Credo che il Psg sia sempre stato nel mio destino. Mi seguivano da anni e mi hanno sempre fatto sentire il loro interesse. Quindi doveva andare così. Sia il presidente Al Khelaifi che il direttore sportivo Leonardo non solo mi hanno fatto capire che mi volevano davvero, ma ogni giorno mi fanno sentire la loro vicinanza. Sono molto contento e orgoglioso di stare qui”.

Dopo aver parlato di Nazionale si passa ai compagni ed inevitabilmente anche al dualismo con Keylor Navas: “Sapevo che sarebbe stato così venendo qui. Non so cosa ne pensi lui, ma a me sta bene, anche perché qui tutti mi fanno sempre sentire importante. Darò tutto me stesso per il Psg. E non è vero che con Keylor ci sono scintille. Con lui ho un ottimo rapporto, è un bravo ragazzo. Per me non c’è nessun problema”.

PSG, VERRATTI RACCONTA LE NOTTI SENZA DORMIRE A CAUSA DEI DOLORI

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: