Verratti

Dal Pescara al Psg dove è diventato uno dei centrocampisti più forti del panorama calcistico internazionale. Parliamo di Marco Verratti, giocatore dei parigini e dell’Italia, che ai microfoni de L’Equipe ha avuto modo di raccontarsi a 360° dagli inizi di carriera ad oggi.

LA TOP 11 DELLA LIGUE 1 DEL 2021

A tutto Verratti

Sugli anni in Francia e sul campionato di Ligue 1: “Sono cresciuto in Ligue 1. La amo. Mi ha insegnato molto. Da fuori non viene considerato come merita, ma è un campionato molto difficile”, ha esordito Verratti. E sulle sue caratteristiche: “Io non gioco per segnare. Gioco per far giocare bene la squadra. Il mio ruolo è dettare i tempi della partita. Quando riesco a servire Messi o Neymar tra le linee può nascere un pericolo: un buon passaggio vale quanto un buon dribbling. Ho un buon tiro, ma non lo uso spesso. È un mio difetto, ma nasce dal mio modo di vedere il calcio. Preferisco un passaggio a un tiro”.

Poi un retroscena sempre sul suo stile di gioco un po’ rischioso: “E’ un problema che ho avuto con quasi tutti gli allenatori. Ancelotti, all’inizio, mi prese da parte e mi disse ‘Marco, per favore, quando sei sotto pressione, chiudi gli occhi e tira il più lontano possibile’. In seguito mi ha detto ‘Va bene Marco, fai quello che vuoi perchè so che è il tuo gioco. O ti metto in panchina o ti amo come sei, non cambierai mai“.

Capitolo anche sui tanti infortuni avuti in carriera che evidentemente hanno un’origine ben chiara: “Ho iniziato con i professionisti, a Pescara, quando avevo 14 anni. Facevo lo stesso tipo di lavoro dei ragazzi di 30 anni. Non ero pronto fisicamente. Ero ancora più piccolo di adesso, ma facevo gli stessi esercizi di adesso. Il mio corpo ne ha sofferto. Nel corso delle mie prime tre stagioni al Psg avevo problemi a dormire, perché sentivo dolore ovunque. In questi tre anni ho giocato, a volte anche sotto antinfiammatori, fino a quando è arrivato il momento della prima operazione”.

Un pensiero su “Verratti: “Sofferto per alcuni infortuni. Ancelotti mi disse ‘o ti amo o ti lascio in panchina’””

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: