Haaland

Erling Haaland al centro del calciomercato e del pallone internazionale ma non solo. Il centravanti del Borussia Dortmund è stato intervistato da Sky Sports e si è concesso un pensiero sul futuro e sulle attività extra campo che porterà avanti una volta appesi gli scarpini al chiodo. Davvero curiose le sue parole…

Haaland e il futuro in… fattoria

Prima di passare agli argomenti extra campo, Haaland ha parlato dei colleghi più esperti dai quali ha potuto apprendere qualcosa: “Ho sempre guardato molto calcio e lo guardo ancora oggi. Quando giochiamo il sabato, vado a casa la domenica e seguo tutto il possibile per tutto il giorno. Credo che nei movimenti il migliore sia Jamie Vardy. L’ho guardato molto proprio su questo. Ho studiato molto anche Van Persie, essendo anche lui era mancino. Ho seguito molti giocatori, soprattutto attaccanti e naturalmente Ibra. Fra i difensori invece ritengo che i migliori siano Van Dijk e Sergio Ramos. La vera ispirazione però nasce dalla voglia di vincere. Odio perdere, è la cosa peggiore. Mi piacerebbe riuscirci contro il Bayern. Non ci ho mai vinto”.

Dal calcio alle passioni e al futuro. Detto dell’amore per il rap e di una band che da adolescente aveva creato con gli amici, Haaland ha raccontato di cosa farà una volta appesi gli scarpini al chiodo: “Sono cresciuto a Bryne, una città di contadini. Devo ammettere che non mi dispiace vivere in una fattoria, guidare un trattore o dare da mangiare alle mucche o altro. Non possiedo fattorie, ma lo farò sicuramente in futuro dopo che andrò in pensione. Non so dove, ma sono abbastanza sicuro che avrò degli animali, magari prenderò un paio di capre…”.

Un pensiero su “Haaland e il futuro in… fattoria”

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: