Juventus Allegri

L’allenatore della Juventus Massimiliano Allegri ha presentato la sfida valida per gli ottavi di finale di Coppa Italia contro laSampdoria, in programma domani alle 21 all’Allianz Stadium, ai microfoni di Juventus Tv. Il mister, che non potrà sedersi in panchina causa squalifica, ha affrontato i temi della partita e della competizione.

Quattro squadre provano a convincere Paulo Dybala

Juventus in Coppa Italia verso la Sampdoria: parla Allegri

Sulla gara: “Bisogna cercare di qualificarsi al turno successivo, la Coppa Italia è un obiettivo della stagione. Sarà una partita difficile, se affrontata in un certo modo potrà diventare più facile”, ha detto Allegri.Quanto conta la Coppa Italia? Ripeto, tantissimo perché è un obiettivo. All’inizio non interessa a nessuno, poi quando inizi a giocare i quarti di finale e la semifinale interessa a tutti. A noi deve interessare da domani. La Sampdoria tra l’altro a cambiato allenatore e quindi bisognerà stare ancora più attenti. Veniamo da partite ravvicinate intense, bisogna fare un ultimo sforzo perché poi avremo cinque giorni per preparare il match di San Siro (contro il Milan ndr”.

Su chi giocherà: “Qualche rotazione? Di rotazioni ce ne sono perché con l’Udinese ne ho cambiati sei rispetto all’Inter. Domattina valuterò bene: dietro De Ligt è squalificato, Chiellini è a mezzo servizio e Bonucci non c’è quindi dovrò decidere chi far giocare domani”.

Sulla Sampdoria: “Credo farà una partita di orgoglio come quando cambi l’allenatore, anche se non è ancora arrivato chi sostituirà D’Aversa a cui faccio un grande in bocca al lupo perché è un bravo allenatore e quando capitano questa cose è sempre un dispiacere. Sta a noi fare una grande partita”. E sui singoli blucerchiati: “Ha giocatori bravi davanti. Penso a Quagliarella, Gabbiadini, Caputo. Sono bravi giocatori e molto pericolosi. Bisogna stare bene in campo nella fase difensiva come squadra visto che abbiamo solo un centrale a disposizione e bisogna darsi una mano”.

Sulla Coppa Italia e le emozioni di vincerla: “Se ce ne è una in particolare delle quattro vinte? Le porto tutte nel cuore, ma penso a quella con la Lazio dove vincemmo in un modo un pochino fortunato. Se non sbaglio doppio palo della Lazio e poi andammo dall’altra parte e segnò Matri. Quella mi piare sia stata la prima, però ripeto son tutte belle da ricordare”.

Precisiamo che in panchina domani siederà il suo vice Marco Landucci.

Un pensiero su “Juventus, Allegri: “Coppa Italia conta tanto, è un obiettivo””

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: