Samir Handanovic

Samir Handanovic, numero 1 dell’Inter, è intevenuto in conferenza stampa in vista della sfida di Supercoppa contro la Juventus. Il portierone sloveno, tra le altre cose, ha analizzato il momento delle due squadre, cogliendo l’occasione per togliersi qualche sassolino dalle scarpe.

Handanovic verso Inter-Juventus

“Domani si gioca una partita importante, un derby d’Italia e in più c’è un trofeo in palio – ha esordito Handanovic -. Per noi conta molto e immagino anche per loro. Conosciamo la Juventus, renderanno la partita tosta e difficile, ma non credo che ci siano favoriti”.

Sul momento della Juve l’estremo difensore nerazzurro ha commentato: “In una sfida secca non conta momento sì o momento no, sappiamo che ci aspetta una partita difficile e dopo tanti sacrifici è bello poter giocare gare di questo tipo”.

Mentalità vincente

Sulle differenze rispetto allo scorso anno Handanovic ha dichiarato: “Oggi ci divertiamo di più forse, ma senza il biennio Conte non saremmo qua. Sicuramente siamo cresciuti e il successo dello scorso anno ci ha fatto cambiare mentalità. Mi fa piacere che le altre ci guardino con più rispetto. Però bisogna stare attenti perché nel calcio tutto cambia velocemente e se non si vince il piacere va via subito”.

Calciomercato e frecciata ai giornalisti

“Voci di mercato? Non mi danno fastidio, la competizione migliora ed è sempre la benvenuta, l’importante è avere fiducia in se stessi”.

L’estremo difensore dell’Inter ha risposto piccato a una domanda sul gol subito contro la Lazio: “Quando l’Inter non prende gol, i difensori non prendono gol. Quando prendiamo gol, Handanovic prende gol, è sempre così”.

E ancora: “Sul gol della Lazio, De Vrij ha valutato male la palla, l’errore mio e di Skriniar è stata una conseguenza. Ma capita a tutti, senza errori non ci sono gol. In un reparto gli errori ci stanno e tutti fanno gli errori. Noi cerchiamo di tenere palla e continuare a essere solidi come lo siamo stati ultimamente”.

LE PAROLE DI SIMONE INZAGHI

Rispondi