LeBron James pugno Stewart

Succede di tutto nella notte NBA. Alla Little Caesars Arena di Detroit va in scena la sfida tra Detroit Pistons (4-12 in regular season) e Los Angeles Lakers di LeBron James (9-9). I gialloviola, guidati da una prestazione incredibile di Anthony Davis e Russell Westrbrook, riescono ad uscire vittoriosi dopo una battaglia sul campo e non solo. Infatti a fare notizia, è l’espulsione di LeBron James rimediata dopo aver rifilato un pugno a Isaiah Stewart, centro dei Pistons.

LeBron James e il pugno a Stewart

L’episodio che ha scatenato la rissa è avvenuto all’inizio del terzo periodo. Tiri liberi per i padroni di casa, LeBron James, pronto per il rimbalzo, viene strattonato da Stewart e reagisce tirandogli un pugno al volto. Come dimostrato dai replay, sembrerebbe che il numero 6 dei Lakers, abbia guardato dove fosse il giocatore prima di tirargli una vera e propria manata a pugno chiuso, aprendo un lungo taglio nell’arcata sopraccigliare del centro dei Pistons.

Stewart ha quindi cercato di farsi giustizia da solo caricando più volte verso James e Westbrook ed è stato trattenuto a stento dai compagni e stuff dei Detroit. Gli arbitri, dopo un’attenta revisione, hanno assegnato a “KingJames un flagrant 2 che rappresenta un fallo antisportivo e pericoloso perché rivolto verso l’area della testa o del collo del giocatore avversario. Lo sfogo di Stewart ha portato anche alla sua espulsione e all’assegnazione di un fallo tecnico nei confronti di Westbrook.

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: