Cagliari Mazzarri

Vigilia di campionato per il Cagliari di Walter Mazzarri che domani alle 12.30 sfiderà la Sampdoria alla Unipol Dumus. Il tecnico dei rossoblù ha presentato il match dell’ottava giornata nel consueto appuntamento con la stampa.

Cagliari-Sampdoria, parla Mazzarri

SULLA SQUADRA – “Come sta la squadra e se abbiamo recuperato? Parto dal presupposto che la rosa intera durante la pausa non l’ho avuta”, ha detto Mazzarri. “Chi ha lavorato con me ha fatto un lavoro ottimo. I giocatori hanno sudato tanto e penso porterà benefici ai ragazzi: abbiamo fatto un richiamo della preparazione, purtroppo non c’erano tutti e sapete benissimo gli assenti. Tatticamente il mio vero rammarico è che sono stati sempre quelli, hanno assorbito bene le mie indicazioni. Gli uruguaiani? Non li ho ancora visti, domani li incontrerò e deciderò chi è pronto, chi subentrerà e così via. Purtroppo queste sono le regole del campionato e devo accettarle”.

VINCERE – “Una nuova partenza vincendo contro la Sampdoria? Voglio essere sincero e dire a voi quello che ho detto ai ragazzi. Dopo il pareggio con il Venezia ho detto lor che ci sono 32 partite, bisogna ragionare partendo dal pareggio con il Venezia. Pensiamo alla Sampdoria e a quello che prepariamo in settimana, alle mie idee di calcio che ho cercato di trasmettere in questa settimana. Io ho conosciuto meglio l’ambiente e la rosa, queste due settimane ho cercato di dare indicazioni. Per me il campionato inizia ora e dobbiamo affrontare la Sampdoria come se fosse la partita più importante della vita. Spero che il pubblico che so che è innamorato di questa squadra possano darci una mano. Io sono convinto che questa squadra possa cambiare rotta e che la fortuna ci restituisca qualcosa in un periodo in cui non ne abbiamo avuto”.

CAMBI – “5 cambi? Ho sempre sostenuto questa regola. Chiaramente se hai 16 giocatori allo stesso livello va benissimo e non hai problemi a mandare in campo 11 in campo. Sulla difesa posso dire che Walukiewicz non è a disposizione, Caceres ancora devo salutarlo e non lo vedo dal Venezia, idem Godin con cui devo parlarci, lui ha giocato tre partite per intere 90′. Ceppitelli per fortuna sta bene. Potrebbero esserci delle staffette e i cambi possono darci una mano”. “Altare? Intanto ha fatto l’esordio. Contro il Venezia poteva fare meglio ma il gol preso non è colpa sua. Ha fatto esperienza con l’esordio. Chiaro è che i giovani che lavorano con me, anche se sono bravi, vanno inseriti nel momento giusto. Ora è un momento delicato. I giovani non si buttano nella mischia ma sono sicuro che se ci sarà bisogno Altare entrerà in campo più sicuro se ne avremo bisogno”.

SAMPDORIA – “Giocano insieme da tanto tempo e più o meno sono rimasti gli stessi. Candreva, Quagliarella, Gabbiadini. Credo sia una gara, come tante della Serie A, dove alcuni aspetti durante la gara saranno decisivi e porteranno ad un risultato. Il valore della Sampdoria è importante. Giocano bene a calcio ma noi dobbiamo fare la nostra gara”.

FORTUNA ED EPISODI – “Contro il Venezia era difficile pensare di perderla onestamente, ma come avete detto gli episodi a volte girano contro. A noi serve avere quell’episodio a favore. A volte le stesse gare, le porti a casa anche così. Detto questo, dobbiamo essere più attenti ai particolari e ai dettagli, vedrete che faremo così anche gli episodi potranno darci ragione. Questo è uno dei miei credo”.

ATTACCO – “Pavoletti e Keità? Devo dire che Pavoletti si è allenato molto bene ma anche Keità che è tornato dalla Nazionale l’ho trovato in forma davvero. Domani giocherà uno dei due, ma non escludo possano giocare entrambi, magari con una staffetta. Ecco, ci sono i cambi. Quindi magari a volte è più importante anche chi entra a gara in corso”.

STROOTMAN – “Aveva bisogno di allenarsi forte e in questi 15 giorni lo ha fatto. Ieri poi siè scaricato. Tutti si sono dannati l’anima. Credo che Kevin ne possa aver benificiato. Se domani andrà in campo come penso sono convinto di vederlo più convinto, in forma. Lui è un giocatore di livello”.

ZAPPA E DEIOLA – “Zappa gli ho detto delle cose e vorrei vederle in campo. Se lei mi dice chi mi ha impressionato di più io potrei dirle che Deiola è un ragazzo molto atletico e di grande affidabilità. Non mi accontento mai e cerco sempre di migliorare i miei giocatori. Ho visto grande volontà”. “Grassi e Oliva? Grassi è entrato quando ho avuto bisogno. Comunque ci sono delle gerarchie. In allenamento tutti hanno modo di dimostrare il loro valore”.

NAZIONALI – “Sarri ha detto che i giocatori si allenano più con le Nazionali che con il club? Meno male che l’ha detto Sarri. Noi, è sotto gli occhi di tutti, abbiamo 4 dell’Uruguay e questo risulta un problema ma non aggiungo altro”.

Rispondi