Eto'o

Intervenuto al Festival dello Sport di Trento, Samuel Eto’o, storico attaccante dell’Inter e protagonista del Triplete del 2010, ha avuto modo di parlare di diverse tematiche sull’attualità del calcio e ovviamente anche dei temi caldi dell’ambiente nerazzurro.

“Inter? La maglia più bella d’Italia… Magari non mi crederete, ma chiedetelo: credevo alla Champions. Quando sono andato a firmare il contratto c’era una differenza di soldi, io ho detto di metterla come premio che massimo due anni l’avremmo vinta”, ha raccontato Eto’o. “Avevamo una squadra di lottatori e di brave persone con un allenatore unico, che capiva perfettamente ogni giocatore e i tifosi dell’Inter. Ha combinato tutto in modo perfetto… Se rivedi la partita di ritorno col Barcellona è ovvio che avevamo bisogno del fattore fortuna: l’abbiamo avuto perché abbiamo dato, dato, dato per tutto l’anno. L’Inter può vincere ancora il campionato, lo spero. Ho visto la sconfitta all’ultimo secondo col Real Madrid: può succedere. C’è una squadra per competere e vincere ma serve lottare”.

Proprio sul Barcellona: “Ultimamente il Barcellona mi sta facendo soffrire, tempi duri per noi che lo amiamo. Sarebbe dura accettare l’eliminazione dal girone di Champions, spero ancora che non avvenga”.

Rispondi