Fabio Cannavaro

Fabio Cannavaro, ex allenatore del Guangzhou Evergrande, è stato intervistato da La Gazzetta dello Sport. L’ex difensore tra le altre di Juventus e Nazionale, ha parlato a tutto tondo della stagione in corso, della lotta scudetto e del suo futuro. Cannavaro ha commentato anche la recente candidatura al Pallone d’Oro di cinque giocatori italiani, in particolar modo quella di Gigio Donnarumma.

Cannavaro e il Pallone d’Oro

“Era dai tempi della mia vittoria (2006 ndr) che non avevamo così tanti giocatori italiani. È un segnale positivo – ha detto Cannavaro -. Secondo me vincerà Messi però Jorginho è il “rivale” più plausibile. Tutti i nostri meritavano di essere nominati, Barella e anche i difensori però manca un giocatore: Chiesa. Lui sta facendo vedere cose incredibili e sicuramente avrà altre occasioni”.

BARELLA E IL RECORD CON LA NAZIONALE

L’ex Pallone d’Oro ha continuato: “Per i portieri il discorso è diverso, è molto più difficile, non a caso l’ha vinto solo il russo Jascin. Gigio avrà parecchie occasioni continuando così. Fra Nazionale e Psg potrà vincere molto e proporsi con più chance al trofeo visto che l’era di Messi e Ronaldo è al tramonto e ancora non si vedono all’orizzonte grandi dominatori”.

“Futuro della Nazionale? Credo sarà roseo, abbiamo ottimi giocatori di prospettiva al centrocampo, in difesa Bonucci e Chiellini formano una grande coppia, ma non sono eterni. In attacco i giovani non mancano, forse pecchiamo un po’ in difesa, Bastoni sta crescendo ma se non verranno fuori altri giocatori credo che si virerà sulla difesa a 3”.

Lotta scudetto

Cannavaro ha concluso con una riflessione sul campionato in corso: “Le milanesi sono forti, soprattutto l’Inter che ha già vinto l’anno scorso. Ma chiunque vorrà trionfare dovrà fare i conti col Napoli e non sarà semplice. La Juve è partita male, ma non la darei per spacciata. Allegri dovrà trovare più equilibrio perché non è un caso che andato via Ronaldo e stanno subendo tanti gol. Il problema per i partenopei è che in primavera perderà molti giocatori per la Coppa d’Africa, bisognerà vedere cosa si inventerà Spalletti per sostituire Koulibaly-Anguissa-Osimhen”.

Rispondi