Messi

Lionel Messi si toglie qualche sassolino dalla scarpa e a ESPN racconta le sue emozioni di un’estate davvero movimentata. Dalla vittoria con l’Argentina della Copa America in finale contro il Brasile, fino al trasferimento al Psg e alle critiche spesso ricevute da lui e dai suoi compagni dell’Albiceleste da parte dei media.

COPA AMERICA – “Sono tranquillo, ho realizzato il sogno che mi era stato negato così tante volte”, ha detto Messi in riferimento alla vittoria della Copa America. “E’ stato come un sogno, un momento indimenticabile. Non potevo credere che fosse successo. Mi piace rivedere le immagini di quel momento, perché in campo ero stordito. Non capivo bene cosa stesse succedendo”.

SASSOLINO – Parole anche di “vendetta” per alcuni organi di stampa che spesso lo hanno criticato insieme ai compagni: “Una parte dei media ci ha trattato come dei falliti, dicendo che non sentivamo la responsabilità di indossare la maglia, che non dovevamo essere in nazionale. Eppure ci avevamo sempre provato, nessuno più di noi voleva quel successo. È molto difficile vincere un Mondiale o una Copa America. All’epoca non davano valore a quello che facevamo, mettevano solo l’accento sul fatto che non avevamo raggiunto l’obiettivo. L’importante è sentirsi soddisfatti per aver dato il massimo… per fortuna l’ultima volta finale è stata diversa”.

Rispondi