Cobolli Gigli

Cobolli Gigli, ex presidente della Juventus, è tornato a parlare della cessione di Cristiano Ronaldo al Manchester United. L’ex dirigente bianconero, sempre molto duro nel giudicare l’operato della Vecchia Signora, in passato aveva già espresso il suo disappunto per l’affare CR7.

Intervenuto a Kiss Kiss Napoli, Cobolli Gigli ha ribadito: “Devo ammettere che sono sempre stato contrario all’acquisto di Cristiano Ronaldo da parte della Juventus. Io sono per una Juve che giochi di squadra. Sono fiducioso e credo che senza il portoghese la squadra di Allegri potrà avere un gioco di squadra importante e ottenere grandi risultati in campionato e in Champions”.

In passato l’ex dirigente aveva anche detto: “L’affare Ronaldo è stato un errore. Sapevo che la cifra pagata non sarebbe mai stata recuperata e così è stato. Quando è entrato, ha dato il suo contributo. E pur restando un grande calciatore, devo essere onesto: prima Cristiano Ronaldo se ne va dalla Juventus e meglio è per lui e per i bianconeri”.

I conti in rosso della Juventus sembrano dargli ragione. La Juventus ha, infatti, chiuso il bilancio 2020-21 con una perdita di almeno 191 milioni. Il dato non è ancora ufficiale, ma è il frutto della somma tra il bilancio semestrale pubblicato il 31 dicembre 2020 dal club bianconero (-113,7 milioni) e la semestrale della controllante Exor al 30 giugno 2021 diffusa dal cda presieduto da John Elkann (77 milioni).

Rispondi