Caos Brasile-Argentina

Caos in campo tra Brasile-Argentina: la partita viene sospesa dopo 5 minuti dalle autorità sanitarie. Scene mai viste alla Corinthians Arena dove la polizia è scesa sul terreno di gioco per portare via i giocatori dell’Albiceleste che avrebbero dovuto fare la quarantena per le norme anti Covid-19 in quanto provenienti dall’Inghilterra.

L’episodio di Brasile-Argentina

Si tratta di Emiliano Martínez, Lo Celso, Romero e Buendía. Tutti militano in Premier League e, secondo le leggi brasiliane, chi proviene dall’Inghilterra deve rispettare l’obbligo di quarantena di 14 giorni prima di entrare nel Paese. Le autorità sanitarie si erano presentate anche in albergo tentando di deportare i quattro giocatori, ma l’intervento della Conmebol (Confederación sudamericana de Fútbol) aveva scongiurato il tutto. Poi agenti di polizia locali sono entrati in campo tra spintoni con i giocatori argentini per “arrestare” chi, secondo loro, non doveva esserci.

La squadra guidata da Leo Messi ha lasciato il terreno di gioco rifiutandosi di giocare mentre il Brasile di Neymar è rimasto in campo fino alla fine del primo tempo prima di abbandonare definitivamente il terreno di gioco.

L’ira di Messi e Scaloni

Il capitano e il ct dell’Argentina sono rientrati in campo per parlare con alcuni giocatori e componenti dello staff verdeoro, questa la ricostruzione del dialogo:

“Non ci hanno avvisato, siamo quattro giorni qui. Sarebbero dovuti venire il ​​primo giorno ad avvisarci e non è stato così. Ti faccio una domanda, siamo fuori dal regolamento? Siamo fuori dal regolamento? – ha detto Scaloni che ha poi aggiunto -: “La Conmebol ha detto che possiamo giocare, fine, non cercare sotterfugi burocratici dove non ci sono, per favore. Questo non ha nulla a che fare con lo sport. è una farsa burocratica è solo una questione burocratica”.

Messi: “Ascolta, siamo qui da tre giorni, stavamo aspettando che iniziasse la partita, perché non hanno avvisato prima? Tutto il mondo ci sta guardando… “

Il comunicato della Conmebol

L’organo organizzativo e di controllo del calcio sudamericano ha dichiarato: “Per decisione dell’arbitro di gara, la partita organizzata dalla FIFA Brasile-Argentina valida per le qualificazioni ai Mondiali è stata sospesa. L’arbitro e il commissario di gara presenteranno una relazione alla Commissione Disciplinare FIFA, che determinerà i passi da seguire. Tali procedure rispettano rigorosamente le normative vigenti. Le qualificazioni ai Mondiali sono una competizione FIFA. Tutte le decisioni riguardanti la sua organizzazione e sviluppo sono di competenza esclusiva di tale istituzione.

2 pensiero su “Caos Brasile-Argentina, partita sospesa: la furia di Messi e Scaloni (video)”

Rispondi