Milan biglietti Champions League

Il Milan è tornato in Champions League dopo 7 anni dall’ultima volta. Era il 2014 e i rossoneri uscirono agli ottavi di finale proprio contro l’Atletico Madrid, prossimo avversario della squadra allenata da Stefano Pioli. Dalla giornata di ieri è possibile acquistare i biglietti per le partite casalinghe del Diavolo, dall’esordio contro i Colchoneros (previsto per il 28 settembre) fino alla sfida di dicembre contro i Reds di Jurgen Klopp. Ma a tenere banco sono proprio i prezzi dei tagliandi che hanno fatto infuriare i tifosi.

Milan, il prezzo dei biglietti

Come riporta Il Giorno, la prima fase di vendita, riservata agli abbonati alla stagione 2019/20, vede il prezzo “stellare” variare dai 420 euro per i posti nelle poltroncine rosse centrali, fino ai 200 del primo rosso laterale. Nel settore affacciato sul terreno di gioco, si va dai 390 euro della tribuna arancio centrale ai 149 euro del primo arancio laterale.

Il prezzo dei biglietti nel secondo anello centrale è di 149 euro, fino ai 129 per quello laterale. Nel settore della famosa Curva Sud, i prezzi variano dai 119 euro del secondo anello verde e il secondo anello blu, fino ai 69 euro per assistere alla partita dal terzo anello blu.

La reazione dei tifosi

I supporter rossoneri, che non vedevano l’ora di tornare a San Siro per respirare l’aria “Europea”, hanno fatto partire una vera e propria protesta social visto i costi proibitivi per le tasche di molti. I tifosi hanno intasato di Tweet e post le pagine ufficiali del club, e c’è chi ha voluto ironizzare con frasi come: “Ma nel prezzo è compreso anche il rinnovo di Kessie?”.

Milan, l’intervento di Gazidis

A seguito della grande polemica sui prezzi dei biglietti messi a disposizione dal Milan per la Champions League, Ivan Gazidis, CEO rossonero, è intervenuto con una lettera pubblicata sul sito del Diavolo. Questo il contenuto:

“Cari Milanisti, mi rivolgo a tutti voi per rispondere alle preoccupazioni che sono state sollevate in merito al prezzo dei biglietti per il nostro entusiasmante e tanto atteso ritorno in Champions League. Prima di tutto, voglio personalmente assicurarvi che ogni decisione del team manageriale del Club viene presa esclusivamente nel totale interesse del Club stesso e, di conseguenza, di tutta la comunità rossonera”, si legge sul si to del club.

“Purtroppo stiamo ancora affrontando la difficile situazione dovuta alla pandemia e il Milan ha sofferto molto per l’assenza di pubblico allo stadio negli ultimi 18 mesi. In particolare per la mancanza dell’emozione e della straordinaria energia che i tifosi generano, ma anche per l’impatto sui ricavi e sulla posizione finanziaria del Club.

Voglio inoltre ribadire l’impegno chiave, fondamentale, che ispira tutte le nostre azioni: il nostro unico obiettivo è rendere orgogliosi i nostri sostenitori creando una squadra di successo in modo finanziariamente sostenibile. Tutti i ricavi generati dal Club vengono reinvestiti per raggiungere questo obiettivo prioritario. È indispensabile far crescere i ricavi e reinvestirli bene nel Milan: questa rimane la nostra strada per il successo. In questo scopo non possiamo che essere uniti per riportare il nostro Milan ai vertici del calcio europeo.

Ovviamente la vendita dei biglietti è una parte importante di questa equazione e durante tutta la stagione cerchiamo di trovare un equilibrio dei prezzi che ci permetta di generare le entrate necessarie, senza escludere o penalizzare alcuna parte della nostra vasta e appassionata tifoseria.

Ma in questo caso ho compreso chiaramente le vostre preoccupazioni e mi rendo conto che non siamo allineati nel modo equilibrato che auspichiamo. Pertanto, abbiamo rivalutato la nostra decisione e adegueremo i prezzi delle partite di Champions League a un livello che riteniamo comunque corretto. La vendita dei biglietti sarà quindi temporaneamente sospesa e riaperta a tempo debito con un approccio tariffario rivisto, occupandoci anche di tutti gli aspetti procedurali e amministrativi correlati.

Per mantenere un rapporto onesto e trasparente, se facciamo scelte discutibili, è nostro dovere ammetterlo, ma è altrettanto importante sentire la vostra fiducia e il vostro sostegno per qualsiasi decisione presa, attraverso un dialogo costruttivo, poiché queste decisioni sono sempre prese esclusivamente per il bene del Milan.

A nome del Club e della proprietà, vi ringrazio per il vostro appassionato e continuo supporto, che sarà vitale per la nostra missione di riportare il Milan al posto che merita.

Forza Milan, Sempre”.

Rispondi