Cristiano Ronaldo record Portogallo

Cristiano Ronaldo raggiunge un altro record col Portogallo: è in cima alla classifica marcatori all-time con le nazionali.

La partita tra Portogallo e Irlanda del gruppo A, valida per le qualificazioni europee ai mondiali 2022, finisce 2 a 1 con CR7 protagonista assoluto grazie ad un rigore sbagliato e una doppietta nei minuti finali.

La stella portoghese, autore di una partita opaca, si fa parare il tiro dal dischetto al 15’ minuto, non prima di aver colpito con uno “schiaffo” il difensore O’Shea, reo di avergli spostato la palla dal dischetto.

Il campione portoghese si riscatta in 7 minuti, e tra l’88’ e il 95’ mette a segno una magnifica doppietta di testa su azione fotocopia. Per il 5 volte Pallone d’Oro si tratta delle reti numero 110 e 111 che lo portano in vetta alla classifica dei marcatori con le nazionali, superando l’iraniano Ali Daei, detentore del record con 109 gol.

Cristiano Ronaldo e il record col Portogallo

“Non riesco nemmeno ad esprimermi in parole! Sono entusiasta e provo una sensazione travolgente! Andiamo, Portogallo! Andiamo!

Di tutti i record che ho battuto durante la mia carriera – e fortunatamente ce ne sono stati alcuni – questo è davvero speciale per me ed è sicuramente sullo scaffale dei risultati che mi rendono davvero orgoglioso.

Innanzitutto perché ogni volta che rappresento il mio Paese è un momento speciale, sapere che sto difendendo il Portogallo e poter mostrare al mondo intero di che pasta sono fatti i portoghesi.

In secondo luogo, perché le competizioni per le nazionali hanno sempre avuto su di me un impatto molto forte. Mentre crescevo, guardavo i miei idoli giocare per le loro bandiere ogni due estati tra Europei e Mondiali.

Ma infine e soprattutto, perché segnare 111 gol per il Portogallo significa 111 momenti come quelli che abbiamo vissuto oggi in Algarve, momenti di unione mondiale e di felicità per milioni e milioni di cittadini portoghesi in tutto il mondo. Per la loro gioia ogni sacrificio vale la pena.

Un altro motivo per cui apprezzo particolarmente questo risultato, è perché Ali Daei ha fissato l’asticella ad un livello così alto, che ad un certo punto anche io ho iniziato a pensare che non sarei mai riuscito a raggiungerlo.

Congratulazioni allo “Shariar” per aver detenuto il record per così tanto tempo e grazie per aver sempre mostrato rispetto per me ogni volta che ho segnato e mi avvicinavo al suo eccezionale numero.

Grazie Portogallo. Grazie a tutti i miei compagni di squadra e avversari per aver reso questo viaggio così indimenticabile. Continueremo ad incontrarci sul campo da gioco negli anni a venire! Non ho ancora chiuso il conto…”.

Rispondi