Juventus Morata

Ai microfoni di Radio Bianconera, nel corso di ‘Stile Juventus’, è intervenuto l’ex calciatore della Juventus Nicola Legrottaglie, oggi allenatore. L’ex calciatore ha detto la sua sul momento dei bianconeri alle prese con un avvio di campionato difficile – un solo punto in due partite – e la cessione di Cristiano Ronaldo.

“Eviterei di fare catastrofismi, la Juventus sta mettendo le basi per essere nuovamente una corazzata importante, abbassando l’età e mettendo dentro dei talenti giovani che porteranno la Juve ad essere competitiva per tanti anni. Non capisco come si faccia ad essere critici, è una squadra che un po’ alla volta ingranerà e che ci farà vedere anche un calcio bello e spumeggiante”, ha detto Legrottaglie. “A me è una squadra che convince, forse manca una punta di riferimento. Vediamo se Kean riuscirà a dare quello che manca, diciamo che forse lì altre squadre hanno giocatori più adatti. La Juve deve capire come sviluppare il gioco in attacco con le caratteristiche degli attaccanti che ha. L’incognita è Dybala, bisogna capire come lo impiegherà. Ma Allegri è bravo a mettere i giocatori nella giusta collocazione. La Juve è partita male, ma non sappiamo i motivi. Il campionato è lunghissimo ancora”.

Sul centrocampo: “Bisogna capire se Allegri vorrà giocare a tre o a due, se come penso giocherà a due Locatelli sarà imprescindibile. Io credo che Allegri passerà anche al 3-5-2, ha la difesa giusta per provare questo modulo. Certo per farli giocare tutti forse il modulo migliore è il 4-2-3-1, ma penso che Allegri alternerà”.

Rispondi