CR7 Portogallo

Cristiano Ronaldo al Manchester United, un affare che convince ma non del tutto. Roy Keane, storica bandiera Red Devils, parlando a Sky Sports ha commentato il ritorno del campione portoghese e le ambizioni della squadra allenata da Ole Gunnar Solskjaer di competere per la Premier League.

Keane e il ritorno di Cristiano Ronaldo

“Penso che il ritorno di CR7 sia una grande notizia per lo United, per i tifosi e per la Premier League. Non ho dubbi che sia ancora un giocatore di livello mondiale. È un ragazzo intelligente, ha una cura maniacale del proprio fisico, vuole restare ai massimi livelli. Sono certo che ha scelto di tornare al Manchester United solo per vincere titoli. Porterà sicuramente una mentalità vincente nello spogliatoio”, ha detto Keane. Eppure, dopo le parole al miele, arriva anche qualche piccolo dubbio…

“Ricorderò sempre quando è arrivato per la prima volta al Manchester United. Aveva 17 anni e voleva venire anche se poteva restare a Lisbona (allo Sporting ndr)”. “Voleva vincere ma non credo che farà la differenza per arrivare a vincere grandi trofei. Il Manchester United, nonostante il suo arrivo, ha ancora gli stessi problemi. E continuerà ad averli, con o senza Ronaldo. La squadra deve migliorare in due reparti. A centrocampo e in porta. Sono sicuro che Cristiano porterà con sé tanti gol e tanti punti, ma non penso che il suo ritorno sia una garanzia di successo. Non sono convinto che il Manchester United tornerà a vincere la Premier“.

Un pensiero su “Manchester United, Cristiano Ronaldo non è abbastanza. Roy Keane: “Non basta per vincere Premier League””

Rispondi