Correa fonte Twitter @Inter

Dopo l’ufficialità arrivata nel pomeriggio di ieri, Joaquin Correa ha rilasciato ai microfoni di InterTV la sua prima intervista da nerazzurro. Il Tucu si trasferisce dalla Lazio a titolo temporaneo con obbligo di riscatto e ha firmato un contratto che lo legherà all’Inter fino al 2025.

Le parole di Correa

“Giocare per l’Inter, campione d’Italia in carica, è una responsabilità e un piacere enorme – ha detto l’argentino -. Ho spinto tanto per arrivare qua e significa tantissimo essere riusciti ad arrivare qua. Ho tantissima voglia di aiutare e di dimostrare di meritarmi questa chance. Quanto ha pesato la presenza di Simone Inzaghi? Tanto, avevo anche altre opzioni, ma ho scelto di seguire il mister in questo grandissimo club”.

“Anche Lautaro mi ha aiutato tanto, in questi giorni mi ha squillato il telefono ed era lui che mi chiedeva aggiornamenti sul trasferimento, quanto tempo mancava per l’ufficilità. Mi ha fatto molto piacere perché lui è un amico ed è già mio compagno in Nazionale e mi farà tanto piacere stare con lui anche nel club”.

A proposito di Nazionale Correa ha parlato anche del suo mentore ed ex leggenda nerazzurra Juan Sebastian Veron: “Ho parlato da poco con lui, mi ha detto che ho fatto un’ottima scelta. Lui mi ha raccontato che ha passato dei momenti bellissimi a Milano, mi ha consigliato di vivere l’esperienza in nerazzurro al massimo e di cogliere questa occasione. Proverò ad ascoltarlo e dare il massimo”.

Infine il Tucu ha parlato della sua prima esperienza all’Inter col periodo di prova nel 2012: “È stato bellissimo varcare i cancelli del campo sportivo, già tempo fa potevo diventare un giocatore nerazzurro, mi ricordo quando ero piccolo e sono venuto qua. Ho provato emozioni forti, ma adesso sono felice di essere tornato più grande, più maturo e con più voglia di fare bene. Ai tifosi posso solo dire che non vedo l’ora di iniziare e li ringrazio tanto per i messaggi che mi hanno mandato”.

Rispondi