Marotta

Beppe Marotta, amministratore delegato dell’Inter, ha commentato a Sky il sorteggio dei gironi di Champions League che ha visto il club nerazzurro essere inserito nel gruppo con Real Madrid, Shakhtar Donetsk e Sheriff Tiraspol.

BILANCIO – “C’è un grande distinguo da fare tra un campionato, dove vince sempre la squadra migliore, e la Champions in cui possono succedere cose varie. Dopodiché è inusuale che nel nostro girone ci siano ben tre squadre già insieme nella scorsa stagione. Ce la giochiamo sicuramente. Sappiamo che lo Shakhtar ha un buon allenatore, De Zerbi, e lo Sheriff che è la prima squadra moldava a partecipare alla fase finale della Champions League. E’ un girone insidioso, l’importante è che si arrivi agli appuntamenti al momento giusto nelle condizioni migliori”.

Ancora sulle rivali: “L’anno scorso lo Shakhtar ha portato via 4 punti al Real. Portarne via al Bernabeu è difficilissimo, giocare davanti al loro pubblico è un vantaggio. Sicuramente le difficoltà aumentano”.

TUTTI I GIRONI DI CHAMPIONS LEAGUE

MERCATO – Non poteva mancare un pensiero anche alle operazioni di calciomercato: “Le nostre mosse? Dovevamo rispondere a delle logiche linee guida della proprietà, che attraverso il mercato ci ha chiesto di reperire risorse per mettere in sicurezza il club. Lo abbiamo fatto, Ausilio e Baccin sono stati bravi, nel frattempo dopo le cessioni importanti abbiamo cercato di individuare quei giocatori che facessero al caso nostro in relazione alla disponibilità. Ci siamo riusciti anche per condizioni favorevoli, Calhanoglu che si è liberato, Dzeko che aveva una promessa… Abbiamo una caratteristica diversa dall’anno scorso, siamo imprevedibili”.

Rispondi