Szczesny

Torna la Serie A e torna anche la nostra Rubrica “Metto in panca…”. L’Allenatore medio, quest’oggi, fa un bilancio di quella che è stata la prima giornata di campionato soffermandosi sulla nota meno lieta. Inevitabile fare il nome di Wojciech Szczesny, portiere della Juventus.

Metto in panca… Szczesny

Metto in panca Szczesny perché da un portiere della sua esperienza non posso aspettarmi due papere – è giusto definirle tali – che compromettono l’esito della partita della sua Juventus. Decisivo in negativo con un goffo tentativo di parata e il successivo fallo da rigore in occasione della prima rete dell’Udinese. Gigantesco, poi, l’errore di principio sul secondo gol.

Metto in panca Szczesny perché proprio il secondo errore fa capire quanto tutti i bianconeri siano stati “abituati male” dalle avversarie. Il portiere polacco ha provato a gestire il pallone per quella che sarebbe stata la cosiddetta costruzione dal basso, ma ha sottovalutato la grinta dei friulani e soprattutto il loro pressing.

Il retropassaggio non è certo dei migliori ma l’estremo difensore avrebbe dovuto valutare meglio come agire e, come detto anche da mister Allegri, spedire la palla subito in tribuna per evitare ogni pericolo, specie se la serata ti aveva già messo davanti ad un pesante errore.

Voto 2 a Szczesny, come gli errori fatti e i gol presi dall’Udinese…

Metto in panca… i tifosi della Juventus

Ma una tirata di orecchie vorrei darla anche ai tifosi della Juventus. Non tutti, ovviamente. Solo a quelli che hanno subito chiesto la cessione del polacco.

Metto in panca i tifosi della Juventus perché anche il “povero” Szczesny merita di poter sbagliare. La tempesta social vista in questo weekend contro il polacco è stata terribile. Sondaggi per chi dovesse essere il suo sostituto, altri che rimpiangevano l’addio di Buffon o il mancato acquisto di Donnarumma.

No, così non si fa. Essere tifosi, lo dice il nome stesso, signifca tifare, sostenere. Nel bene o nel male. E, in questo caso, anche nel “malissimo”…

Rispondi