José Mourinho

Durante un’intervista rilasciata al Times Josè Mourinho, ex allenatore del Tottenham e nuovo editorialista per The Sun, ha parlato dei suoi piani futuri, della sua nuova avventura come colonnista sportivo ma non solo. Il tecnico portoghese è tornato anche sulle sue esperienze vincenti in Serie A, Liga e Premier League e, nonostante le sue ultime avventure con Manchester United e Tottenham si siano concluse anticipatamente, di come sia sempre alla ricerca di nuove sfide.

Lo Special One ha anche rivelato di come nel 2019, dopo l’esonero di Niko Kovac dal Bayern Monaco, fosse molto vicino a firmare per i bavaresi, ma che poi la sua scelta sia ricaduto sulla squadra del North London anche a causa della poca competitività del campionato tedesco.

Mourinho non ha infatti nascosto le sue critiche nei confronti di Bundesliga e Ligue 1, campionati secondo lui sbilanciati a causa delle “super potenze” Bayern Monaco e PSG: “In Germania e Francia, se vai al club A (Bayern) o al club B (PSG), sai che il tuo destino è scritto immediatamente. In Inghilterra è competizione ai massimi livelli. Questo mi ha attratto. Mi rifiuto di andare in un paese in cui la pressione non esiste”. ha detto il portoghese.

Lo Special One ha anche dichiarato che in futuro potrebbe tornare ad allenare in Serie A, e nonostante l’amore per l’Inter, non rifiuterebbe la panchina di Juve o Milan: “Con l’Inter ho vinto tutto, c’è un affetto speciale. Ma se un giorno dovessi andare in Italia e allenare una società rivale, non ci penserei due volte. Ho questo modo professionale di guardare alle cose, e mi sento bene con me stesso”.

Un pensiero su “Mourinho: “Inter un affetto speciale ma allenerei una rivale””

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: