Charles Leclerc

Novità in Formula 1: la “Sprint Race”, la cosiddetta gara di qualifica, è stata approvata all’unanimità dalla commissione FIA e dai team.

Si comincerà già dalla stagione 2021, con la prima sperimentazione fissata per il weekend di Silverstone il 18 luglio, le altre candidate sono Monza (il 12 settembre) e Interlagos.

La Sprint Race servirà a stabilire la griglia di partenza dei GP della domenica e assegnerà rispettivamente 3,2 e 1 punto iridato ai primi tre classificati.

Le dichiarazioni dei vertici di FIA e Liberty Media:

Jean Todt, presidente FIA ha commentato così l’approvazione delle “Sprint Race”: “Sono lieto di vedere che la Formula 1 sta cercando nuovi modi per coinvolgere i suoi fan e ampliare lo spettacolo di un weekend di gara attraverso il concetto delle Qualifiche Sprint. È stato reso possibile grazie alla continua collaborazione tra FIA, Formula 1 e tutte le squadre. La Formula 1 sta dimostrando di essere più forte che mai con tutte le parti interessate che lavorano insieme. Molto è stato fatto per garantire che gli aspetti sportivi, tecnici e finanziari del format siano equi.

Stefano Domenicali, CEO della Formula 1 si è detto altrettanto contento della decisione presa: “Siamo entusiasti di questa nuova opportunità che porterà ai nostri fan un weekend di gara ancora più coinvolgente nel 2021. Vedere i piloti darsi battaglia per tre giorni sarà un’esperienza incredibile e sono sicuro che i piloti apprezzeranno la lotta. Sono lieto che tutte le squadre abbiano sostenuto questo piano”.

Ross Brawn direttore generale di Liberty Media: “La cosa da ricordare sulla Sprint Race è che è intenzione di espandere l’intero weekend, non di rimpiazzare la gara, il GP è ancora l’evento vitale del fine settimana ma vogliamo dare ai fan il coinvolgimento per tutto il weekend. Non vogliamo cannibalizzare il GP ma aumentare l’impegno il venerdì e il sabato”, ha aggiunto l’ex ingegnere della Ferrari. “Il venerdì è davvero per gli appassionati al momento. Guardare la sessione di prove libere del venerdì è divertente ma non c’è una conclusione. Ma cosi il venerdì  avremo l’entusiasmo del formato di qualificazione. È improbabile che ci siano dei pit stop. Saranno circa 30 minuti, 100 km di azione. Vogliamo vedere se il format corto è attraente. Secondo noi sì”.

Il format della Sprint Race:

Il format della Sprint Race prevede: il venerdì mattina una sessione di prove libere della durata di un’ora, durante la quale i team avranno a disposizione  due set di gomme con mescola di libera scelta. Lo stesso pomeriggio ci saranno le qualifiche “classiche” (che di solito vengono disputate il sabato) con Q1, Q2 e Q3, le squadre avranno cinque set di gomme a disposizione e saranno sotto il regime di “Parco Chiuso”.

Il Sabato mattina ci sarà una seconda sessione di prove libere con un solo set di gomme (scelta libera) a disposizione, il pomeriggio ci sarà la gara sprint di 100 km che determinerà l’ordine di partenza della domenica, i team saranno sotto il regime di “Full Parc Fermé” e dovranno scegliere due set di gomme da utilizzare. Domenica il classico GP con i due treni di gomme che restano.

Rispondi