Di Canio

Paolo Di Canio non le manda a dire alla Juventus dopo il pareggio contro la Fiorentina maturato nell’ultimo turno di campionato. Ospite di Sky Calcio Club, l’ex attaccante anche della Lazio ha parlato in modo duro soprattutto di due elementi della rosa bianconera: Adrien Rabiot e Cristiano Ronaldo.

SU RABIOT –Dopo il ‘panterone moscione’ Lukaku, Rabiot è un ‘giraffone moscione”, ha detto Di Canio. “È uno che in campo non si vede: un metro e 91 centimetri e perde i contrasti con giocatori di 1.28. Stiamo parlando di un giocatore della Juventus”.

DE LUCA CONTRO AGNELLI

SU CR7 – Su Cristiano Ronaldo: “Ronaldo in barriera contro il Parma? Mi aveva deluso contro il Porto, questa è ancora peggio. Dopo il Porto si era messo di nuovo in posa con gli addominali, poi su quella barriera si chiude come uno Startac per non prendere una pallonata. Da piccoli tutti abbiamo giocato per tornare a casa con occhi neri e ginocchia sbucciate, per me è un grandissimo atleta e campione, ma qui non si può vedere dai. Poi un’altra cosa, metti il coccodrillo e non salti. Ma se la prima volta si toglie, la seconda ce lo rimetti?”.

SERIE A: NORMA ANTI SUPERLEGA

Infine ancora sulla Juventus ha aggiunto: “Approcci alle gare quasi sempre sbagliati. e non riconosciamo nessuna identità. Non sappiamo cosa voglia fare in campionato: la sensazione è che se la giochi alla pari con tutti. Nessuno ha paura di lei. Dal punto di vista tecnico non è stata superiore a Benevento e Crotone. I 13 punti di distacco dall’Inter non sono solo i 13 punti, ma come stanno arrivando. Con non prestazioni. La Juve è soddisfatta? Solo per capire, trova qualcosa di positivo? Io non penso”.

Rispondi