Neymar Kimmich

“Non stavo nemmeno cercando di provocarlo in quel momento volevo festeggiare e Leo era proprio lì”, ha esordito Neymar spiegando la sua esultanza con Paredes ‘in faccia’ al rivale del Bayern Monaco Kimmich dopo il passaggio del turno da parte del Psg in Champions League contro i tedeschi. “Suppongo che fosse il destino. Anche perché Kimmich era proprio quello che aveva detto che la loro squadra era migliore e si sarebbe qualificata, anzi, che si erano già assicurati il ​​posto in semifinale”.

E per rincarare la dose, O’Ney aggiunte: “Come dice il proverbio: puoi avere il possesso palla, cantare ad una donna tutta la notte, poi in 5 minuti arriva un altro e se la prende…”.

Rispondi